Ritenzione dati

Cito Punto Informatico di oggi:

“La notizia è stata ripresa da più parti nella blogosfera: è quella secondo cui, allo scadere del 2007, la maggioranza di centrosinistra ha rinnovato una delle più controverse misure del Decreto Pisanu, quella sulla data retention coatta, che obbliga operatori e fornitori all’identificazione degli utenti e alla conservazione dei dati delle loro comunicazioni, una misura considerata da più parti non solo un inutile fardello sul mercato TLC, ma anche una pesante violazione della privacy del cittadino.

Nomi e cognomi, data e ora della connessione, delle telefonate, dei fax, numeri e indirizzi dei coinvolti: secondo il famigerato Decreto approvato a fine 2005, tutto, a parte il contenuto della comunicazione, andava conservato fino a dicembre 2007. Ma ora, con l’inserimento dell’articolo 34 nel dispositivo normativo noto come milleproroghe, la scadenza è stata spostata a dicembre 2008.”

La scusa, ovviamente, era “combattere il terrorismo”. Ovviamente a questa scusa non crede nessuno e tutti (elenco su richiesta) quelli che ci pensano su concludono che i danni di questa pratica sono molto maggiori degli eventuali benefici. Benefici che il Governo si guarda bene dal farci conoscere. Ebbene, cosa fa il governo di centro-finta-sinistra? Proroga la ritenzione fino a fine 2008.

ilcomiziante

Aggiornamento Punto Informatico 15.1.08:

Decreto Pisanu, il Garante è solo

Powered by ScribeFire.

Tag: ,

Una Risposta to “Ritenzione dati”

  1. Beyond Fear « Ilcomizietto - blog Says:

    […] di copiare il peggio degli USA (mai una volta che si sbaglino), la lettura è utile per smascherare certe pratiche che a prima vista sembrano […]

    Mi piace

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: