P2

Giuro che non volevo. Parlare della P2 è molto difficile. L’argomento P2 è come l’argomento astrofisica. E’ una materia a sé, le si può dedicare un corso di laurea. Ma non posso più evitare l’argomento.

Per chi si vuole addentrare nella materia, e non l’ha mai fatto, posso consigliare la voce P2 su Wikipedia e da lì, seguendo i link, leggersi la relazione finale della Commissione Parlamentare di inchiesta diretta da Tina Anselmi e il Piano di Rinascita Democratica. Anche le interviste rilasciate da Licio Gelli sono illuminanti.

Il materiale è tanto, ma il pezzo forte è la relazione Anselmi. E’ molto verbosa, scritta con una prosa ottocentesca,  ma i concetti sono di una “scientificità” e di una limpidezza cristallina. La parte storica forse annoierà, ma le conclusioni della Commissione sono attualissime. Se pensate che esageri, vi informo che il 28 settembre 2003 Gelli ha potuto tranquillamente affermare, senza generare nessuno scompiglio mediatico, che il suo piano va alla grande.

In estrema sintesi possiamo dire che la P2 è un’oligarchia, formalmente illegale, ma ancora perfettamente funzionante. Il suo stile è quello mafioso della solidarietà occulta e obbligata. Il suo fine non è la realizzazione di un ordine sociale (per quanto opinabile), non ha colorazioni ideologiche. Il suo fine è la gestione del potere, l’organizzazione è autoreferenziale. I destinatari del suo agire sono i suoi stessi componenti. La P2 usa tutto e tutti per i suoi scopi.

La P2 attua una dittatura morbida. L’oligarchia comanda, ma senza dare troppo nell’occhio. Come fa? Semplice: controlla l’informazione. Non tutta, ovviamente, anche perché la parvenza di democrazia è essenziale per continuare i propri affari. Controlla quel tanto che basta, dove può e quando serve. Non è un caso che le informazioni che vi potrebbero cambiare la vita quasi mai le trovate in prima pagina di un quotidiano ad alta tiratura. Di solito sono date una sola volta, in piccoli trafiletti, incomplete, nascoste oppure sono date da informatori marginali, che non hanno un grande pubblico. Spesso non suscitano nessuna reazione in chi dovrebbe reagire (dirigenti pubblici, politici).

Se qualcuno reagisce e si muove nella giusta direzione, ovvero dà (o chiede) informazioni rilevanti, è ostacolato con la burocrazia, con attacchi personali, con l’oblio. Non può essere contrastato nel merito dei fatti, perché altrimenti si palesa un confronto e si accende un interesse che invece va smorzato il più possibile.

No, non è tutto perduto. Ci sarà una seconda puntata.

ilcomiziante

Aggiornamento 13.2.2008:

Piano di Rinascita Democratica (3668 KB)

Relazione Anselmi (616 KB)

Aggiornamento 05/05/2014:

Tutti gli atti ufficiali della Commissione di inchiesta sulla P2 sono da oggi qui:

http://fontitaliarepubblicana.it/

Tag: ,

Una Risposta to “P2”

  1. [libro] Il corpo delle donne « Ilcomizietto Says:

    […] Consiglio alla Zanardo, se non l’ha ancora  fatto, di dare un’occhiata al progetto P2 e alla relazione Anselmi. Troverà piena sintonia fra quello che ha visto e quello che […]

    Mi piace

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: