Australia e il flop del filtro antiporno

Segnalo su punto informatico:

Australia, il flop dei filtri antiporno è clamoroso
di Dario D’Elia

Riassunto: in Australia hanno letteralmente cestinato 52 milioni di euro per un filtro antipornografia che non funziona. Il filtro è un software che il governo propone alle famiglie per proteggere i bambini dai perversi della rete. Uno di questi “bambini”, il sedicenne Tom Wood, ha fatto notare come lui il porno se lo guarda tranquillamente con il filtro attivo. Ma in Australia non demordono: preparano la versione 2 del software. I sedicenni ringraziano e io spero che non siano così fessi da avvertire “i grandi” che anche quella versione non serve a nulla. Non per altro: farebbero la versione 3 con grande spreco di denaro pubblico!

ilcomiziante

Powered by ScribeFire.

Una Risposta to “Australia e il flop del filtro antiporno”

  1. Filtri di Stato Australiani « Ilcomizietto Says:

    […] Australia e il flop del filtro antiporno. […]

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: