Burocrazia Made in Italy

Ricordate il caso di italia.it? Un gruppo di cittadini chiese allo Stato di vedere conti e contratti per verificare le spese fatte per realizzare il sito italia.it e gli fu risposto “ciccia”. La scusa? Voi non avete nessun interesse a sapere come abbiamo speso i soldi, siete solo un piccolo gruppo di privati cittadini. Che i soldi spesi siano i nostri è solo un dettaglio.

Poteva questa risposta geniale rimanere confinata in angusti ambiti nazionali? Certo che no!

Marco Cappato chiede alla UE i contratti firmati con Microsoft. E la UE risponde: “non c’è un interesse pubblico prevalente” e quindi niente documenti. Di più: “la divulgazione di tale informazione potrebbe pregiudicare la protezione degli interessi commerciali di Microsoft, poiché questi contratti stabiliscono termini e condizioni specifiche e privilegiate per le Istituzioni UE”. In altre parole gli interessi privati di Microsoft sono più forti degli interessi pubblici di milioni di persone (l’UE).

Speriamo che la UE ci paghi almeno i diritti d’autore.

ilcomiziante

Powered by ScribeFire.

Tag: , , , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: