Precisione linguistica

Il Papi guarda fisso nel vuoto, aspettando che Lacomizietta finisca di mangiare.

Figlia: “Papi, cosa stai guardando?”
Papi: “I bottoni della lavastoviglie.”
F: “Ma Papi! I bottoni sono quelli del golf, non quelli della lavastoviglie!”
P: [Per metterla alla prova:] “Ah sì? E quelli della lavastoviglie come si chiamano?”
F: “Si chiamano pulsanti, perché si schiacciano col dito.”

Il Papi, sbigottito da tanta sapienza quattrenne, ha sfogliato il dizionario per sapere se era consentito l’uso di bottone per pulsante. Secondo lo Zanichelli 2001 il Papi può tirare un sospiro di sollievo.

Tag:

3 Risposte to “Precisione linguistica”

  1. lo scorfano Says:

    Ma è un sospiro transitorio: che con l’etimo del “pulsare” la comizietta ha davvero umiliato il papi. E non sarà l’ultima volta…

    Mi piace

  2. ilcomizietto Says:

    @scorfano
    E non è nemmeno la prima…

    Mi piace

  3. Thumper Says:

    Certo che pensare che entrerà nell’adolescenza non dovrebbe farti dormire sonni tranquilli… ;)

    Mi piace

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: