ATM e la tessera elettronica

Nel fare la dichiarazione dei redditi noto che ci sono delle agevolazioni fiscali per gli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico. Mi lancio in complicati calcoli matematici per vedere se un abbonamento annuale ad ATM mi possa convenire e arrivo alla conclusione che non mi conviene poi così tanto, ma la maggiore comodità potrebbe supplire al piccolo sovrapprezzo previsto.

Ma ATM pensa a tutto. Dopo due giorni di sportelli inabili a rilasciare le necessarie tessere magnetiche oggi riesco a fare l’abbonamento annuale. E ingenuamente chiedo all’impiegato dell’ATM Point: “La validità dell’abbonamento inizia dal primo giorno che la uso, giusto?” Mi guarda strano: “No, l’abbonamento è già valido dal primo maggio.” Io: “Come dal primo maggio?!” “E sì, l’abbonamento parte sempre dal primo del mese, non possiamo cambiare le date.” Un rapido calcolo: 13,40 regalati ad ATM per queste due prime settimane di viaggi. I risparmi auspicati si allontanano.

Evidentemente non ho guardato bene le istruzioni sul sito dell’ATM. Ma io non trovo nulla di questa faccenda, sull’inizio degli abbonamenti annuali. Anzi, trovo queste curiosità:

In caso di assenza della convalidatrice magnetico-elettronica:

1) Coloro che avranno ricaricato l’abbonamento sulla propria tessera elettronica viaggeranno a vista. In sede di controlleria farà fede la ricevuta emessa all’atto della ricarica (si raccomanda pertanto di conservare tale ricevuta e di portarla con se quando si viaggia).”

2)[…] Non è in alcun modo possibile “iniziare” il viaggio con biglietti plurigiornalieri […]”.

Traduzione e riassunto: hanno implementato un meraviglioso sistema “elettronico” di bigliettazione, che uno pensa serva per avere più versatilità e comodità per tutti e invece:
1) Alcuni abbonati devono viaggiare con un foglietto volante in più (la ricevuta dell’abbonamento annuale, per es.) rigorosamente su carta chimica, che si scolorirà presto. (E dovrebbe durare almeno 6 anni, visto che la devo mettere fra i documenti del 730. Dovrò farmi anche la fotocopia.)
2) L’abbonamento annuale ha inizi fissi. (Ma perché?!)
3) In alcuni casi, se non hai il biglietto della versione giusta e se parti da stazioni senza convalidatrici magnetico-elettroniche, sei un ladro.

Ecco, giusto a proposito delle percezioni: io mi sento preso in giro.

(Sulle politiche di riservatezza di ATM dovrei fare un post a parte. Sono due anni che lo voglio fare, spero non abbiate fretta.)

Tag: , , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: