WinTV-HVR-900H

Sintonizzatore DVB-T USB
Hauppauge
WinTV-HVR-900H
—————————
Nel mio condominio, evidentemente, hanno deciso di passare al digitale terrestre con qualche mese di anticipo e da qualche giorno Rai2 e Rai3 analogici non si vedono più. (Probabile guasto all’antenna.) Ne ho approfittato per un acquisto tecnologico che avevo intenzione di fare da tempo: una sintonizzatore DVB-T USB.

Per prima cosa un piccolo giallo sul prezzo: in piazza Duomo, a Milano, i due Mondadori informatica che distano poche centinaia di metri l’uno dall’altro, avevano, sullo stesso prodotto, 30 euro di differenza. (Io l’ho pagato 60 euro, ma penso si possa trovare a meno.) Prima di lanciarvi in acquisti vale sempre la pena farvi un idea del “giusto prezzo”.

Fermo restando che non ho ancora provato tutte le sue potenzialità, posso già dire che il telecomando in dotazione non brilla per robustezza e praticità (speriamo bene!) e la WinTV (v.7) in dotazione mi sembra migliorabile, specialmente nel cambio dei canali. (Per vedere la TV con questo sintonizzatore si può usare anche VLC, ma la sintonia dei canali è decisamente difficile!)

Un aiuto ai possessori di questo aggeggio: i driver e il software aggiornato (vi basta scaricare il CD v.1.2a: c’è tutto lì dentro) lo trovate qui, non qui e nemmeno qui.

Voto personale: 6 (per ora)

Tag: , ,

4 Risposte to “WinTV-HVR-900H”

  1. Danilo Says:

    Ma i decoder DVB-T acquistati ad esempio in Inghilterra, possono essere sfruttati anche in Italia semplicemente risintonizzandoli ?
    Quindi il DVB-T in Europa è sempre uguale ?
    Grazie

    "Mi piace"

  2. alex Says:

    ciao, grazie per i suggerimenti, ma volevo un’ulteriore informazione, occorre obbligatoriamente la connessione ad internet per utilizzarlo? molti amici mi dicono che non occorre, e molti altri si, tu sai darmi una risposta? grazie mille

    "Mi piace"

    • ilcomizietto Says:

      Questa “chiavetta” è in realtà un decodificatore di segnali televisivi. Una volta installato il software (è sempre meglio scaricarsi l’ultima versione), la connessione a internet non serve. Serve invece un buon impianto di ricezione, ovvero un’antenna sul tetto ben posizionata. L’antenna in dotazione, infatti, non sempre dà ottimi risultati, come del resto c’è scritto sulla scatola.

      L’apparecchio è in grado di ricevere sia segnali video analogici che digitali.

      "Mi piace"

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: