Archive for gennaio 2010

Troller – Albanese

giovedì 28 gennaio 2010

Con colpevolissimo ritardo, segnalo che è tornato Albanese a Che tempo che fa. E’ già tre sabati che è tornato, con un nuovo personaggio: Troller, professore di scuola media. Da non perdere!

Che tempo che fa 09/01/10

Che tempo che fa 16/01/10

Che tempo che fa 23/01/10

(Posizionate il cursore dopo un’ora circa.)

ATM in discesa

giovedì 28 gennaio 2010

ATM ha deciso di peggiorare il suo servizio:

Tv della metropolitana: verso una mobilità sempre più informata

Dove si racconta che in giro per Milano compariranno altri 100 schermi TV gestiti da Telesia / ATM.

Perché dico che peggiorano il servizio? Perché ammettono candidamente: “L’informazione dedicata ai passeggeri Atm occupa il 30 per cento del palinsesto […]”. Indovinate cos’è il 70% della programmazione?

Però è vero che non bisogna essere pessimisti: “L’obiettivo è arrivare all’appuntamento con il 2015 mettendo a disposizione una piattaforma sempre più avanzata per la mobilità sostenibile.” Quindi, con i ricavi pubblicitari, possiamo sperare, per il 2015, di non essere gasati, e a volte congelati, negli autobus della linea 121. Oppure di non diventare sordi sulla linea M3. Provare per credere.

Suggerimenti per il download

martedì 26 gennaio 2010

Visto che nipoti e parenti vari chiedono, faccio un servizio di pubblica utilità: segnalo software gratuito per windows.

Gratis per tutti gli usi:
Browser: Mozilla Firefox
Posta elettronica: Mozilla Thunderbird
Calendario: Mozilla Lightning (estensione per Thunderbird)/Sunbird (programma separato)
Compressore: 7-zip (scompatta i rar, e moltissimi altri formati conosciuti e sconosciuti. Sostituisce alla grande winzip, che è a pagamento)
Ufficio: Openoffice (al posto di Office di Microsoft)
Masterizzatore: CDBurnerXP Pro (sostituisce Nero, più o meno)
Per ricordarsi le password: Keepass
Per altro malware, oltre i virus: Spybot S&D
Per le pulizie di casa: CCleaner

Gratis solo per uso personale e domestico:
Antivirus: Avira Free

La lista è, ovviamente, solo parziale. Alcuni di questi software vanno configurati, che la configurazione di default di solito non è la migliore (7-zip, per esempio). Di altri va capito, un poco, anche come funzionano, giusto per non fare disastri (SpyBot e CCleaner, per esempio). Mi raccomando, sul posto di lavoro chiedete sempre l’autorizzazione al vostro amministratore di sistema prima di installare qualcosa e leggete le licenze, che possono cambiare o io posso sempre sbagliarmi. Se non capite come usarli e/o se non volete leggere le istruzioni, non fate nulla! Non posso offrire supporto per questi prodotti. (I parenti sanno come invitarmi a cena.)

ATM sondaggiata

martedì 26 gennaio 2010

Secondo l’ATM milanese:

Trasporto pubblico: cresce la soddisfazione. In aumento tutti i valori rispetto al 2008

In altre parole siamo tutti più contenti. Poiché uso i mezzi ATM tutti i giorni e non ho notato miglioramenti di sorta, devono esserci delle zone dove il miglioramento, invece, c’è stato. Qualcuno sa dirmi dove?

I cattivi fanno i cattivi, ma i buoni che fanno?

martedì 26 gennaio 2010

Qui i riferimenti sull’attacco cinese a Google (in inglese):

Me on Chinese Hacking and Enabling Surveillance
di B. Schneier

Qui un rapido riassunto in italiano su Punto Informatico:

Schneier: la minaccia viene dall’ovest

Il guru della cybersicurezza punta il dito sui Governi democratici occidentali. Mentre la Cina ribadisce di non aver avuto ruolo nell’attacco a Google
di Claudio Tamburrino

Riassunto per chi ha fretta:
Avete presente quando vi dicono che per combattere i supercattivi (terroristi e pedofili di solito) la polizia ha bisogno dei superpoteri? Succede che i superpoteri li usano tutti per fare di tutto: i cattivi (gli hacker cinesi) e quelli che dovrebbero essere i buoni (la polizia delle democrazie occidentali). Sapevatevelo.

Psicologia maschile

martedì 26 gennaio 2010

Siamo esseri semplici, in modo decisamente imbarazzante:

Roxxxy, il primo robot sessuale
Il primo robot costruito specificamente a scopo sessuale è personalizzabile secondo i desideri dell’utente.

2001: odissea nello spazio

lunedì 25 gennaio 2010

C’è chi ha visto 2001 e trova il film lento e noioso e c’è chi ha visto 2001 e lo ritiene entusiasmante e meraviglioso, in una parola cult. Non ho notizia di valutazioni intermedie, segno che il film tocca delle corde nascoste, non presenti in tutti gli esseri umani. Qualche settimana fa ho scoperto che mia moglie appartiene al primo gruppo (secondo lei la musica di Strauss per le astronavi è una boiata) e mentre mi accingevo a compilare le pratiche per il divorzio (io appartengo al secondo gruppo), ho scoperto che anche il grande Asimov fece parte del primo gruppo (*), nonostante fosse amico di Clarke. Ho deciso quindi di perdonarla e ho accantonato la pratica.

2001 mi stregò immediatamente, dalle prime immagini, quelle forse più noiose in assoluto per molti: l’alba dell’uomo, le scimmie nel deserto. Non ricordo la prima volta che lo vidi per intero, ma ero piccolo e ricordo che per molti anni il finale mi rimase oscuro, sebbene sempre affascinante. Poi un giorno la rivelazione. Ero già “grande” e mi venne in mente di leggere il romanzo e al fascino si aggiunse la comprensione. Infatti nel romanzo ci sono tutti gli elementi per decifrare il film. (Cosa non casuale, visto che film e romanzo crebbero assieme.) A quel punto la grandezza del film fu, ai miei occhi, incommensurabile. Fatemi vedere una sequenza qualsiasi del film o datemi una pagina qualsiasi del romanzo e io sarò ipnotizzato senza scampo.

Portati alla luce i succitati ricordi dalla provocazione de La Moglie, decisi che Lacomizietta era pronta per il test. Come storia serale le raccontai il riassunto del film. Moderato entusiasmo. Al mattino provai a leggere anche alcune pagine del libro, ma Clarke e l’editore non previdero bambini di 5 anni fra i lettori e non si adoperarono per creare le immagini per illustrare la storia. Niente immagini, niente lettura. Un peccato, Lacomizietta era pronta per ascoltare tutto il romanzo. Per fortuna rimane il film e ieri Lacomizietta ha voluto vederlo. Tutto!! 139 minuti di film visti con un’attenzione totale! Grande attesa per HAL 9000 (Papi, quando arriva il computer? Fra poco? E il computer quando viene? Ora? Manca molto per vedere il computer? E così via per 30 minuti) e per la camera finale dove Bowman muore (quando finisce il viaggio? Quando arriva alla stanza? Belle le sfumature, ma ora arriva? E la stanza?).

Dire che le è piaciuto forse è troppo, e interrogata in merito ha fatto notare che il film non è molto discutoso. In effetti 2001 è fra i film con pochissimo parlato. Nonostante questo grave difetto, l’ha seguito tutto con attenzione, ha fatto domande pertinenti e ciò mi fa sentire un padre orgogliosissimo. Ho una figlia meravigliosa e spero che tutto ciò si traduca in premi Nobel, Oscar o fate voi. :-) (Se vi sembra che esageri, non parlate con la Nonna M., lei di più!)

(*)I. Asimov, M. H. Greenberg, Le grandi storie della fantascienza vol13, Bompiani, prefazione a La sentinella di A.C. Clarke, racconto da cui si è preso spunto per libro e film.

Neologismi /17

domenica 24 gennaio 2010

Poiché Lacomizietta sa che apprezziamo i suoi neologismi, ce ne ha confezionato uno a tavolino (o per meglio dire “a tavola”):

Meteologia: è come una enciclopedia, ma scritta tutta in minuscolo e con parole più difficili.

Papi: Ma quali parole difficili?
Figlia: Non lo so, non l’ho ancora letta, ma so che esiste.

Non confondetevi con la meteorologia, che è tutt’altra cosa.

Scanner millimetrali /3

venerdì 22 gennaio 2010

Ci siamo quasi:

German TV on the Failure of Full-Body Scanners
di Schneier
[…]
Full-body scanners: they’re not just a dumb idea, they don’t actually work

Guardate il video proposto. Se qualcuno sa il tedesco e ci fa un riassunto, noi ignoranti ringraziamo.

Luoghi comuni

mercoledì 20 gennaio 2010

Dove si confutano i più diffusi luoghi comuni in fatto di stranieri:

«Mandiamoli a casa loro»
da un’idea di Andrea Civati
In PDF, il prontuario.

Aggiornamento 21/01/2010:
Ho corretto i credits. A pagina 14 del prontuario ci sono i riferimenti per intero.

Aggiungo anche che la Moglie ha posto questa domanda: a chi giova alimentare questi luoghi comuni?
So già che sapete la risposta.