Anonimato in rete

Molti pensano che l’anonimato in Rete sia generatore di vigliaccherie e follie. Queste sono altre opinioni:

Schneier e la sua bit sweet symphony
Identificazione e attribuzione non possono funzionare su Internet: i bit sono anonimi. Ed è meglio che il mondo, soprattutto quella della politica, se ne faccia una ragione
di Claudio Tamburrino

Anonymity and the Internet
di B. Schneier

Tag: , , , , ,

Una Risposta to “Anonimato in rete”

  1. sandro Says:

    Non mi sono fatto ancora un’idea se è giusto o meno tutelare l’anonimato su internet da un certo punto di vista penso che è giusto proteggere la privacy ma dall’altro perderebbe qualcosa il concetto di navigazione in generale. A riguardo mi ha colpito molto l’intervista di Mr Kaspersky su L’Occidentale http://www.loccidentale.it/articolo/mr.+kaspersky%3A+%22una+patente+per+navigare+su+internet+contro+i+rischi+del+cybercrime%22.0087276
    dove si pensa ad “una patente per navigare su Internet contro i rischi del cybercrime”

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: