Aspiranti sindaci a Milano

Come tutti sapete in primavera Milano dovrò scegliersi un nuovo Sindaco. Lorella Zanardo, giustamente, vuole sapere cosa faranno i candidati sindaci per le donne milanesi. Non so perché, ha scelto di interpellare a riguardo gli aspiranti candidati del PD. (Non chiedetemi di cercare aspiranti candidati o candidati di altre formazioni politiche, che ho il cuore debole.) Io avrei agito a 365°, come si dice in aziendalese correggiuto, e avrei messo sotto osservazione tutto lo schieramento politico. (No, non mi muovo io perché non sono di Milano. Farò qualcosa – in piccolo e non qui – per S. Donato quando sarà il momento.)

Ma veniamo al dunque. Zanardo segnala i tre siti degli aspiranti candidati del PD. Andate sui loro siti e… non c’è il programma elettorale. (Oggi, domani ci saranno sicuramente.) Nulla, nada, nisba. Linee guida? No. Un paio di progetti ambiziosi? Niente. Un’idea che li caratterizza? No, cioè sì, ce n’è una. Gireranno per Milano ad ascoltare gli elettori per scrivere il loro programma. Tutti e tre. Quindi si desume che avranno tre programmi uguali. Quindi si voterà la faccia più simpatica? Forse, quasi sicuramente. (Fa nulla se quello che dico c’è in una pagina nascosta del sito. Se non si vede in prima pagina, non serve.)

Si può iniziare peggio di così? Non credo.
(Se mi sbaglio, sarò il primo a rallegrarmi. Usate i commenti per farmi felice.)

Tag: , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: