La sicurezza nel 2020

Purtroppo è un post in inglese e anche lungo:

Security in 2020
di B. Schneier
(Prefazione a Security 2020, di Doug Howard and Kevin Prince)

Ma vale la pena leggerlo. Si racconta di come sarà il futuro per chi userà la tecnologia, ovvero per tutti noi. Si racconta di come presto saremo (siamo in parte già) noi, persone normali, i potenziali cattivi informatici e di come il mondo degli affari si dovrà difendere da noi. Dopo la lettura di questo post si può affermare che Orwell è stato un ingenuo ottimista.

NOTA IMPORTANTE: Non fatevi fuorviare dalla parola security. Il discorso di Schneier riguarda tutti noi nella vita di tutti i giorni. E non fatevi fuorviare dalla data 2020. Schneier parla di cose che succedono già oggi. Nel 2020 sarà solo peggio.

Aggiornamento:
Dei post correlati all’articolo di Schneier: leggere il post di e-due e seguire i suoi link.

Tag: , , ,

2 Risposte to “La sicurezza nel 2020”

  1. marcopergioco Says:

    Scritto magnificamente, probabilmente lo linkerò anch’io, ma non mi sembra così preoccupante. Mai provato a girare mezza giornata in città senza soldi ed avere bisogno di qualche cosa? Nulla di nuovo sotto il sole.
    Piuttosto, il mondo che verrà sarà intrinsecamente sempre più fragile: ma anche questa non è una novità :-)
    Leggerti è sempre un immenso piacere, ciaoo

    Mi piace

  2. Etnografia dei social media « Ilcomizietto Says:

    […] Da leggere dopo l’articolo di Schneier. […]

    Mi piace

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: