Sono cose

Notizia da Grande Capo (e a dire il vero un po’ datata) se non fosse che ci insegna e ricorda molte cose.

La notizia è questa: Brian May, chitarrista dei Queen, non solo si è laureato con Lode in Fisica alla fine degli anni ’60, ma ha ripreso a studiare negli anni duemila e nel 2007 ha ottenuto il dottorato in Astrofisica. Come dire: lo scienziato e l’artista sono la stessa persona. All’età di 60 anni ha sfatato un altro luogo comune: si può studiare anche da non più giovanissimi (Lacomizietta direbbe da vecchietti). Siccome poi May ci vuole stupire ancora, “per completare la sua tesi di dottorato aveva usato per tre notti il telescopio nazionale italiano “Galileo” che si trova alle Canarie, isola La Palma.” Infine, nella foto proposta da Gravità Zero, May è affiancato da due dolci fanciulle (Gloria Andreuzzi e Noemi Pinilla Alonso), a ricordarci che la scienza non fa distinzioni di genere e non pone barriere fra persone famose e non.

Visto che a me la musica dei Queen non dispiace affatto, ora May mi sta decisamente molto più simpatico. :-)

(Via Gravità Zero)

Tag: , , ,

5 Risposte to “Sono cose”

  1. Claudio Says:

    Notizia un po’ datata, è vero…
    pero’ quando pubblicai qui la notizia i giornalisti italiani come al solito non se ne sono accorti (tranne Piero Bianucci su La Stampa)

    http://www.touristime.it/index.php?method=section&action=zoom&id=2613
    (a quel tempo purtroppo Gravità zero non era ancora nata :-)

    Mi piace

  2. Claudio Says:

    Ma, poi … perché Vania Lorenzi? La ragazza a sinistra nella foto è Gloria Andreuzzi.

    Vi fidate di più de La Stampa o di Gravità Zero? :-)))

    Mi piace

  3. Claudio Says:

    Vero! Anche noi ci fidiamo più dei blog come il Comizietto che dei giornali :-)
    Il motivo è presto detto: in caso di un errore (che può sempre succedere, ci mancherebbe), i blog correttamente si scusano con i lettori e pubblicano una smentita o una correzione.
    I giornali (e peggio ancora i telegiornali) spesso fanno finta di niente.
    Complimenti per avere corretto l’errore presente su La Stampa, noi non ce ne eravamo accorti!

    Mi piace

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: