[film] C’era una volta in Anatolia

Titolo: C’era una volta in Anatolia
Paese, anno: Turchia, Bosnia, 2011
Durata: 150 min
Genere: drammatico
Regia: Nuri Bilge Ceylan
Sceneggiatura: Nuri Bilge Ceylan, Ebru Ceylan e Ercan Kesal
Montaggio: Bora Gökşingöl e Nuri Bilge Ceylan
Scenografia: Çagri Erdogan e Dilek Yapkuöz Ayaztuna
Premi: Festival di Cannes 2011: Grand Prix Speciale della Giuria

Voto personale: 7

Un’avvertenza doverosa: se il vostro cinema preferito è quello holliwoodiano, dove succedono cose e ci sono finali che lasciano più o meno soddisfatti, allora questo film non è per voi. Il film dura due ore e mezza, è senza colonna sonora e tutto si svolge con tutta calma, senza effetti speciali e inquadrature movimentate.

La storia è semplice e il suo racconto non pregiudica la visione del film: un assassino reo confesso deve condurre la polizia sul luogo dove è stato seppellito il cadavere. Solo che l’assassino non ricorda esattamente il luogo della sepoltura. Era ubriaco, i luoghi sono effettivamente molto simili, la ricerca inizia di sera e continua di notte. O forse l’assassino vuole temporeggiare o prendere in giro la polizia. E questo è il primo tempo. Nel secondo tempo si trova il cadavere e si fa l’autopsia. Fine della storia.

Interessanti invece i temi trattati nel film: la morte e la sua assurdità il tema centrale. Ma anche la famiglia, con i suoi drammi; la politica turca, con il desiderio di entrare in Europa e i problemi dei piccoli comuni; il senso religioso della morale e della vita (Allah è ben presente nel film); la pietà e l’umanità del medico che eseguirà l’autopsia. E’ da notare che questi temi sono tutti visti da un’angolazione maschile. Le donne sono praticamente assenti dal film. Tranne in un caso: il procuratore che segue le indagini e che vaga assieme al commissario di polizia e al medico per le campagne dell’Anatolia alla ricerca del cadavere racconta a quest’ultimo un caso strano: la morte di una donna. E’ questo racconto, in realtà, la portante narrativa del film, quel qualcosa che vi permetterà di stare seduti per due ore e mezza al cinema.

Buona visione.

Tag: ,

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: