Ma chi l’avrebbe mai detto?

Da ZeusNews:
RIAA: il peer to peer incide poco sulla pirateria
In un documento interno dell’azienda si evince che i ”pirati” preferiscono scambiarsi hard disk e chiavette.

Dove si scopre che le persone si scambiano da sempre libri, musica e film. E che da quando è facile copiarli facilmente le persone non scambiano il supporto fisico, ma copiano il contenuto su un altro supporto fisico che poi viene scambiato.

Tag:

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: