Impazzire al lavoro

In questo periodo il mio lavoro consiste nel programmare un noto (solo agli addetti ai lavori) prodotto software di reportistica per produrre dei file pdf con sopra tante tabelle, grafici e note.
Il committente di questo lavoro è una società di gestioni fondi, quelle cose astruse finanziarie che tolgono i soldi ai ricchi per darli alle banche.

Fra questi grafici ce n’è uno che contiene due linee, una blu e una rossa.

Ora concentratevi e non perdete il filo.

Dopo mesi di prove, quasi alla fine (a Dio piacendo) del progetto (doveva finire a febbraio), il committente si accorge che la linea blu e la linea rossa, se stampate in bianco e nero, non si distinguono bene.

Mi chiedono di mettere dei trattini alla linea rossa.

Metto i trattini, ma non si vedono nella stampa. Il grafico è troppo piccolo e la linea troppo arzigogolata.

Mi chiedono di mettere un altro colore, purché si veda diverso, in bianco e nero, dal blu.

Metto un rosa pallido.

Il rosa pallido non va bene. Non fa alta finanza. Chiedono un giallo ocra.

Metto un ocra. Si vede bene, si distingue bene, fa anche alta finanza.

Oggi mi chiedono di rimettere il rosso. Sì, il rosso. Quello che non si distingue in bianco e nero dal blu.

Moltiplicate questo balletto per 15 layout con 50 e passa oggetti da sistemare che generano 50 file per un totale di 100 pagine e potrete capire il mio stato d’animo in questi giorni e perché siamo a fine aprile e non si vede la fine del progetto.

Ah! Per complicare le cose il prodotto di reportistica in modalità client usa tranquillamente il font arial. E io i report li ho fatti tutti col font arial. Poi abbiamo fatto girare il report in modalità server e l’arial è stato sostituito con il font andale in modo del tutto arbitrario. Il produttore, di calibro mondiale, mica il pizzicagnolo sotto casa, dice che questo è un problema noto da qualche anno, ma che è impossibile (!) correggere. Non riescono a far usare il font arial al software che hanno scritto loro. Per dirci questo il produttore del software ha impiegato un mese. E visto che siamo nell’impossibile: il committente vuole nei suoi report solo il font arial. Altri font sono proibiti dal Dio Markètting.

Una gara a chi delira di più.

Una Risposta to “Impazzire al lavoro”

  1. alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 23.04.13 | alcuni aneddoti dal mio futuro Says:

    […] Il comizietto, “Impazzire al lavoro”: In questo periodo il mio lavoro consiste nel programmare un noto (solo agli addetti ai lavori) prodotto software di reportistica per produrre dei file pdf con sopra tante tabelle, grafici e note. Il committente di questo lavoro è una società di gestioni fondi, quelle cose astruse finanziarie che tolgono i soldi ai ricchi per darli alle banche. […]

    Mi piace

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: