[TED] Daphne Koller: Cosa stiamo imparando dall’istruzione online

Mentre in Italia si discute se mettere o meno la LIM in classe, se sia meglio avere in cartella ebook o tomi cartacei, in California la professoressa Daphne Koller si è messa al lavoro nel laboratorio di Intelligenza Artificiale della Stanford University. Ne è venuto fuori Coursera, un progetto di e-learning gratuito, mondiale, di livello universitario.

Alcune cose da notare:
1) Studiare con un tutor personale è ancora oggi il metodo migliore di insegnamento, anche se il più costoso. Quindi il contatto umano nell’insegnamento non è proprio da cestinare. Infatti il progetto di e-learning lo prevede.
2) Le domande giuste danno migliori risultati delle risposte giuste. Quindi: a scuola è meglio un ebook o un libro di carta? è palesemente una domanda sbagliata. Dipende infatti da cosa vuoi insegnare e a chi. La Koller si pone la domanda giusta: Come faccio a dare un’educazione universitarià di qualità al maggior numero di persone al minor costo possibile? E poi: La tecnologia mi può aiutare? E una volta che il progetto partorisce risposte, arriva il momento della verifica dei risultati: qui stiamo andando maluccio. Si può correggere?

Insomma come le tre I di silviesca memoria, ma al contrario.

Per chi non sa l’inglese: nella barra in basso, dove c’è anche la linea rossa di avanzamento del video, si possono selezionare i sottotitoli in italiano, se già non vengono da soli. In basso a sinistra, poco fuori dal riquadro del video, si può selezionare “Show transcritp” per avere subito tutto il testo della trascrizione della conferenza in italiano.

Buona visione!

Daphne Koller: Cosa stiamo imparando dall’istruzione online

Tag: , , ,

Una Risposta to “[TED] Daphne Koller: Cosa stiamo imparando dall’istruzione online”

  1. ellegio Says:

    Coursera offre un sacco di corsi interessanti. L’anno scorso avevo cominciato a seguirne uno su Fantasy e Science Fiction, e son soddisfazioni.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: