Padre per nulla riluttante

Da Repubblica:

Il papà riluttante: come mi sono innamorato di mia figlia

L’articolo inizia:

Diventare genitori è l’esperienza più bella che si possa fare. Ma cosa accade se, nel momento in cui la propria creatura viene alla luce, ci si accorge con sgomento di non provare quella valanga di emozioni e di amore di cui tutti parlano?

E continua con le riflessioni e le foto del fotografo Phillip Toledano su come ha fatto per diventare un padre non riluttante.

Non è difficile, basta farlo fin da subito: non nascondere il fastidio che danno i figli. Io (=noi) dissi che Lacomizietta l’avrei volentieri messa al forno già prima che nascesse, quando la sua presenza nella pancia della Mami cambiava i nostri piani. Infatti uno dei suoi soprannomi è Sua Crudità o anche semplicemente Crudità. Con l’adolescenza la situazione peggiorerà e ne ho assaggiato i prodromi. Non sarà per nulla piacevole per noi.

Detto questo, che i figli sono una gran palla e che la mia non è da meno, posso allo stesso tempo affermare che Lacomizietta è una delle persone più amate sul pianeta Terra e in particolar modo dal suo Papi (=io). Un amore totale, limpido, incondizionato, assoluto, privo di qualsiasi sbavatura. Penso che ci sia lo zampino della genetica in tutto questo, che da qualche parte abbiamo scritto nel nostro DNA che i nostri cuccioli vadano preservati e non cucinati, pena l’estinzione. Non è solo questione di genetica, ovviamente, è molto altro, almeno per me, ma è difficile parlarne. Magari un’altra volta.

Di solito si confonde Amore con Rose e Fiori. Non è così. Non è mai stato così e non lo sarà nemmeno con Lacomizietta. Di errori ne ho già fatti con lei, e ne farò molti altri e ci saranno giorni che veramente desidererò cucinarla con delle patate al forno e maledirò le mie scelte e anche le sue, ma non potrò mai fare a meno di vederla nella sua interezza, nella sua potenza, nella sua complessità, nel suo futuro. Un altro dei soprannomi de Lacomizietta, infatti, è Sua Santità.

È una contraddizione solo apparente, quella di amare e combattere con la persona amata. La libertà ha un prezzo e l’amore è libertà. Ammette lo scontro, ma non la sopraffazione. Ammette la cura, ma ha dei limiti inviolabili. (E chi li conosce? Ma ci sono!) Nel caso dei figli, poi, abbiamo la certezza che si staccheranno da noi; se vorremo il loro amore da adulti lo dovremo riconquistare in altri modi e la gelosia non porta da nessuna parte. (Ma questo non mi impedirà di sgonfiare le ruote del SUV di Kevin quando rientrerò in casa e loro due saranno di sopra ignari del mio rientro. Non sarà gelosia, sarà un’occasione di soddisfazione postuma.)

Insomma, è difficile, molto difficile essere genitori, anche quando tutto va per il meglio, ma sono contento di essere papà.

Tag: ,

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: