Cosa resta dei libri

Da ilPost una riflessione sull’oggetto libro nella cultura di oggi:

Cosa resta dei libri
Marino Sinibaldi spiega – in un libro – cosa è cambiato nel ruolo dei libri, e in quali tratti rimangono unici

Laterza ha pubblicato Un millimetro in là, un libro costituito da una lunga intervista di Giorgio Zanchini a Marino Sinibaldi. Sinibaldi, 60 anni, è da cinque anni direttore di Radio 3 e in questo ruolo e in quello precedente di conduttore sulla stessa radio è soprattutto noto e familiare a molti ascoltatori. Si occupa da molto tempo di cultura e libri, e alla definizione di cosa la cultura sia e cosa le stia accadendo è dedicata gran parte dell’intervista.[…]

Sinibaldi dice:

[…] Tuttavia penso che l’esperienza della lettura abbia una profondità particolare e diversa dalle altre forme di appropriazione della realtà.[…] Il libro […] sviluppa in una forma molto peculiare due straordinari processi umani: l’immaginazione e l’immedesimazione. […]

[…] Oggi si può essere colti, informati, aggiornati senza aprire un libro. Per secoli […] non è stato possibile. Ma vorrei sfuggire questa dimensione epocale perché mi spaventano le generalizzazioni vagamente apocalittiche […] Il nostro obiettivo deve essere far sì che tutti dispongano di quante più opportunità è possibile. Poi vedremo. […]

Tag: , , , , ,

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: