[libro] Giallo di zucca

Autrice: Gaia Conventi
Titolo: Giallo di zucca
Editore: Betelgeuse Editore
Altro: ISBN 9788863490299, p. 238, 14,00 €, I ed. 2013, premessa di Marcella Zappaterra, nota finale di Patrizia Lucchini, il romanzo è il sequel di Una scomoda indagine e un cane fetente.

Voto: 7/10

Lo dico subito: questo volume l’ho ricevuto in regalo dall’autrice con tanto di dedica. Ma scusa, non avevi detto che i libri te li compravi tu e non accettavi regali dall’autore? Vero, ma avevo anche detto che alcuni fortunati sarebbero riusciti a corrompermi. E con questa recensione siamo a quota due (l’altra è stata Cetta De Luca). Come vedete non è impossibile.

In realtà le cose non vanno come vorrebbero certi autori o case editrici, che sbucano dal nulla e vorrebbero una mia recensione di cose che non ho chiesto. Io seguo Gaia sul suo blog Giramenti da molto tempo e mi ero incuriosito del suo ultimo libro. L’ho messo nella lista dei desideri di anobii e quando ci siamo incontrati ci siamo scambiati dei regali di carta. Il suo era Giallo di zucca. Quindi non è stata Gaia a chiedere a me una lettura del suo romanzo, ma io a lei. (Idem con Cetta De Luca, anche se per vie più tortuose.)

Ma veniamo alla zucca. Il romanzo appartiene di diritto al genere giallo e quindi è adatto per le vostre vacanze: divertente, non impegna, dal ritmo lento ma inesorabile tipico del Po.

Si parla di Luchino Girondi, poliziotto e fotografo della scientifica in stanza Milano ma di origini Ferraresi e del suo cane Poirot, soprannominato cane fetente dall’autrice. Quando Luchino legge di un misterioso suicidio in una libreria della sua città natale, la sua curiosità prevale sui suoi doveri di obbedienza alle gerarchie pulesche e inizia una sua personalissima, ufficiosa e quanto mai sgangherata indagine. Ecco quindi la scusa per conoscere la divertente famiglia di Luchino, per la precisione gli zii librai e il cugino Pierfilippo, il cane Poirot e ovviamente Ferrara, con i suoi vicoli, i suoi palazzi e il suo Palio. (Sì, anche Ferrara ha il Palio, non solo Siena. E wikipedia dice che è il più antico del mondo.)

Oserei dire che il giallo rimane per buona parte del romanzo sullo sfondo, perché i personaggi con i loro numeri tengono banco per un buon numero di pagine. Il cane Poirot non è fetente per cattiveria, ma per simpatia, ecco. Ma la miscela di gag e di trama gialla è buona e si arriva in volata alla fine del libro con molto piacere. Come dicevo più sopra, ideale per la spiaggia.

Ma veniamo ai difetti, che altrimenti vengo tacciato di buonismo. Il primo, a dire il vero, non è neanche colpa di Gaia: la premessa della presidentessa della Provincia di Ferrara Zappaterra. Per aver concesso il patrocinio della Provincia in pieno agosto è sicuramente un’ottima amministratrice, ma per le premesse ha bisogno di un ghost writer. Saltatela a piè pari per non demoralizzarvi.
Secondo: ho contato 32 nomi commerciali. Capisco che alcuni siano entrati de facto nella nostra lingua (ma non è questo il caso); capisco anche che alcuni sono funzionali alla trama, come i nomi dei giornali e dei siti internet, ma gli altri? E soprattutto, perché tutti in corsivo? Comunque Gaia è in buona compagnia con molti altri autori più o meno famosi. Sembra che i marchi commerciali siano talmente entrati nelle nostre vite che non possiamo fare a meno di citarli quando raccontiamo il presente.
Ce ne sarebbe anche un terzo, ma a due settimane dalla fine della lettura non mi sembra così importante.

Concludo con una curiosità. Durante la lettura ho capito perché Gaia abbrevia Ilcomizietto in Comiz. Da oggi è l’unica autorizzata a farlo, che io sono come Luchino. (Sì, bisogna leggere il romanzo per capire di cosa sto blaterando.)

Buona lettura!

Tag: , , , ,

11 Risposte to “[libro] Giallo di zucca”

  1. Gaia Conventi Says:

    Caro Comiz – e adesso sai il perché di quel Comiz -, ammetto d’avere una certa passione per i nomi commerciali, nel senso che mi sembrano una presa per i fondelli. Ma mica nei confronti del lettore, ci mancherebbe! Io sono un lettore e, in quanto tale, tendo a prendermi molto sul serio. Meno quando scrivo, quando scrivo butto giù roba da spiaggia e voglio strappare un sorriso.
    Voglio anche ammazzare qualcuno, certo, ma almeno farlo su carta non comporta l’essere poi infilati in spazi angusti. E il vitto, santo cielo! Abituata ai caplàz col ragù non potrei sopportare il vitto della prigione… Non farebbe bene al mio ottimismo.

    Dicevamo? Ah, già, i nomi commerciali. Come tante altre cose – che i ferraresi colgono al volo, essendo perculamenti locali (come il romanzo abbia ottenuto il patrocinio della Provincia è il più grande mistero del mio giallo) – rientrano tra le buffonate.
    Nikon, lo ammetto, mi è invece servito come sinonimo. Avrei potuto dire Canon, ma a quel tempo ero appassionata di Nikon. Nel prossimo celebrerò il mio passaggio a Olympus. Che je frega al lettore non è chiaro, ma vedrò di farmi perdonare in qualche modo.

    Grazie per la rece, la rece è come Luchi e come Comiz. ;)

    Mi piace

  2. impossiball Says:

    Il soluto buonista del cazzo :D

    Mi piace

  3. ilcomizietto Says:

    Ecco, lo sapevo che non avevo capito qualcosa! :-) Mi sono lasciato prendere dal mio lato bacchettone e moralista!

    Comunque sono convinto che i vari marchi non se ne accorgano. Fatti pagare, magari in natura. Una Olympus nuova o scontata può sempre servire. :-)

    Mi piace

  4. [libro] Novelle col morto | Ilcomizietto Says:

    […] la prosa, invece, direi che mi ha sconcertato e stupito non poco. Primo perché è molto diversa da Giallo di zucca, secondo perché sembra quasi in antitesi con il carattere casinista che l’Autrice mostra […]

    Mi piace

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: