Inferno

Se mai ci dovesse essere un aldilà, io sarò sicuramente all’inferno. Causa: @#!-imprecazioni censurate-@#! durante la navigazione dei siti della Pubblica Amministrazione.

Lasciamo stare il sito dell’INPS, che ha delle vette di perversione ineguagliabili, in questi giorni mi sono addentrato nei misteri del pagamento del canone RAI e nei meandri approntati per noi genitori dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Per quanto riguarda il canone RAI ho scoperto tre cose:
1) Per disdire il canone RAI bisogna fare una piccola gincana. Dovete scaricare un file pdf risultato di una scansione di un foglio di carta scritto con una macchina da scrivere del 1915, ma il file non si materializzerà nel vostro pc con l’estensione corretta. Dovrete rinominarlo. Poi dovete stamparlo, compilarlo e fare l’immancabile raccomandata in posta.
La disdetta va fatta prima della scadenza (31 dicembre). Non rimborsano nulla se lo disdite molto prima della scadenza.
2) Il canone si può pagare anche solo metà anno. O a rate trimestrali. In questi casi non è possibile farlo per via telematica. Bisogna andare in posta.
3) Pagare il canone in posta costa meno che pagarlo da altre parti, on line compreso. (A meno di convenzioni con alcune banche.) Tenere una persona allo sportello costa di meno che tenere un server acceso. Ricordiamo che il canone RAI è una tassa imposta; è interessante sapere che ci sono delle commissioni per il pagamento delle tasse imposte. A questo punto non si capisce perché non pagare con un bel F24, che ormai siamo pratici.

Iscrizione alla scuola media, pardon, secondaria de Lacomizietta:

1) Prima non c’è possibilità di scelta della lingua. Poi hanno corretto.
2) Poi non c’è possibilità di un campo note, necessario per indicare preferenze di compagni o altre piccole amenità.
3) Sembra ci sia il tempo pieno, ma non è vero.
4) La mail della scuola si basa sui codici meccanografici (meccanografici?!) assegnati dal Mi(ni)stero della Pubblica Istruzione. Sono cose del tipo: MIGFSG0389GRGNCL4P@istruzione.it. A questo indirizzo vanno inviate le note che non è possibile mettere on line.
5) Il sistema via web chiede le attività facoltative pomeridiane, ma queste saranno decise a settembre. Vengono chieste per vedere l’effetto che fa.

Buona fortuna!

Tag: , , , , ,

5 Risposte to “Inferno”

  1. Fabio Pirola Says:

    Solo una parte del canone è una tassa!
    La maggior parte è proprio il costo del servizio…

    Mi piace

  2. Thumper Says:

    (la comizietta va già alle medie? aiuto, sono vecchia!)

    Mi piace

    • ilcomizietto Says:

      (Ciao Thumper! Ti pensavo in questi giorni. “Che fine avrà fatto thumper?”, mi chiedevo.)

      Essì, Lacomizietta il prossimo anno andrà alle medie. Lei cresce, loro – i figli – crescono e noi invecchiamo. Il mio obiettivo è invecchiare tanto. :-)

      Mi piace

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: