La letteratura come servizio e la letteratura illimitata

La notizia è ormai vecchia, ma è rinnovata da una novità.

Da qualche mese in Italia è possibile accedere a Kindle Unlimited, un servizio di Amazon che consente di leggere molti titoli (oggi sono circa 15.000 in italiano e 800.000 in altre lingue), in formato elettronico, in abbonamento. Si pagano 10 euro al mese e si ha l’accesso ad un discreto catalogo di scelta. Finché si paga, il catalogo è a completa disposizione. Di fatto è una biblioteca a pagamento. Sì, perché al termine del servizio, i libri non sono più leggibili e ritornano ad Amazon, anche se virtualmente.

C’è un limite e un prezzo nascosto da pagare: il limite è che si è obbligati ad usare dispositivi e software di Amazon per usufruire del servizio. Il prezzo nascosto è la nostra riservatezza: ogni nostro dato di lettura (cosa, quando, dove e quanto leggiamo) sarà usato da Amazon per operazioni di marketing. Anche le nostre sottolineature saranno analizzate.

Per le poche migliaia di persone che leggono più di un libro al mese e a cui non dispiace la lettura digitale, questo sistema è molto economico e vantaggioso. Questo è indubbio.

La novità recente invece è che Amazon pagherà gli autori che aderiscono al programma Kindle Unlimited a seconda delle pagine lette dai clienti. Potrete anche avere l’intera biblioteca di Amazon sul vostro Kindle, ma fino a quando quegli ebook non saranno letti l’autore non sarà pagato. Un modo per evitare di pagare tutti in modo forfettario? Forse. Ma questa iniziativa non ha effetti solo sugli autori. Questa iniziativa potrebbe cambiare il modo di scrivere.

Fino ad oggi l’autore ha usato le tecniche per prendere il lettore e tenerlo inchiodato alla pagina scritta fino all’ultima pagina in modo arbitrario. Se il racconto, o il saggio, aveva bisogno di altri ritmi, gli effetti speciali venivano rimandati o erano del tutto assenti. Da domani rischiano di diventare la norma, spazzando via ogni pagina che non sarà più che scoppiettante e appiattendo in questo modo la scrittura. Non ci stupiremo più di nulla, perché tutto sarà veloce e fantasmagorico allo stesso modo. Forse il mio è solo pessimismo.

C’è anche un altro aspetto che ci interesserà molto da vicino e che sto toccando con mano. L’immensa possibilità di lettura che abbiamo oggi a prezzi stracciati, di cui Amazon è solo una possibilità, ci fa perdere la cognizione delle priorità e provoca un calo del desiderio di lettura. Avere tutto a disposizione ci consente di rimandare sine die ogni lettura (tanto è a due click di mouse) e ci mette in grande difficoltà quando si deve scegliere il prossimo libro da leggere. Paradossalmente è la mancanza e la difficoltà di reperimento del libro che ci stimola il desiderio di lettura. Anche solo fare due passi per arrivare in biblioteca o in libreria è un incentivo a scegliere e a desiderare.

Avere tutto a disposizione in breve tempo implica una forma mentis molto diversa da quella attuale. Io, pur avendo desiderato a lungo questa possibilità di scelta, oggi ho qualche difficoltà a viverla in modo positivo, ma la Biblioteca Universale in formato elettronico è dietro l’angolo. I nostri figli sapranno godersela?

Tag: , , , , ,

5 Risposte to “La letteratura come servizio e la letteratura illimitata”

  1. giomag59 Says:

    Gli auguro di si… e gli auguro anche che non venga a mancare la corrente elettrica per i loro dispositivi. Certo che e’ curiosa questo metodo di pagamento a la carte… e’ vero che a volte ci sono libri di 800 pagine di cui ne pagheresti nemmeno la meta’, ma se diventasse la regola… oppure diventeranno tutte Selezioni del Reader’s Digest?

    Mi piace

    • ilcomizietto Says:

      L’elettricità non sarà certo un problema. Gli ebook reader sono molto parchi nel consumo. Anche una batteria ricaricabile con il sole consente di leggere fino alla morte naturale della batteria. Più che altro Amazon costringe a stare connessi e questo è un po’ meno banale.

      Il pagamento agli autori, invece, è un processo completamente trasparente per i lettori. Penso che le selezioni rimarranno confinate nelle antologie, dove è giusto che rimangano.

      Mi piace

  2. illimitati | ATBV Says:

    […] di queste novità, il cui nome è Kindle Unlimited, parla il blogger Comizietto, che fa un’analisi interessante di quello che accade e anche di quello che potrebbe accadere a chi legge ma soprattutto a chi scrive. Il Comizietto dice […]

    Mi piace

  3. Me, my shelf and I Says:

    Ciao Comizietto, ci si rivede!
    Mi faccio una domanda, Amazon pagherebbe gli autori in questo modo un po’ bizzarro, che ne sarà delle traduzioni, della ricerca della qualità anche in questo senso? Ci si deve aspettare l’italiano indegno delle edizioni a 99 cent che erano spuntate come funghi alla cassa del supermercato qualche mese fa? Ricordo un “Il grande Gatsby” pieno i orrori incredibili.
    Si rischia, si rischia tanto se i lettori saltuari (quelli da “mi hanno regalato il kindle a natale/compleanno” per intenderci) non hanno a cuore la bontà di quello che leggono.
    Che ne pensi? Ti vedo molto più informato di me e kindlemunito, io per ovvie ragioni non ho idea dell’offerta.
    Grazie

    Mi piace

    • ilcomizietto Says:

      Informato forse, kindlemunito MAI. Il Kindle È IL MALE e se mi vedete in mano con un Kindle siete autorizzati ad abbattermi. Ho invece un Sony PRS-T3 che uso rigorosamente scollegato dall’internètte.

      Per quanto riguarda l’impatto sulle traduzioni non so cosa dire. Forse potrebbe anche essere positivo, perché se l’opera guadagna per quanto è letta, forse conviene investire in una buona traduzione. Ma a dire la verità nessuno sa con certezza quello che avverrà. Staremo a vedere.

      Mi piace

Il tuo comizio:

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: