Depressione

In questi giorni di grande sconforto politico, con dichiarazioni razziste, assenze inspiegabili (dove sarà il nostro Presidente del Consiglio?) e proposte assurde (ciao Di Maio) non è questa congiuntura che mi deprime di più.

Abbiamo avuto governanti piduisti e mafiosi, incompetenti e ladri e siamo ancor vivi.

La grande differenza col passato e che oggi la speranza di un mondo migliore io non la vedo. Prima potevo sperare di votare un partito diverso, di trovare qualche figura politica che coagulasse un sentire alternativo in una iniziativa o una manifestazione, in un agire pubblico. Oggi l’unica figura politica rimasta che potrebbe farlo, il PD, è totalmente impegnato a (non) riorganizzarsi al suo interno, a difendersi dagli attacchi della Lega/M5S e a controbattere alle cazzate del governo. Risultato: nell’agenda mediatica si parla solo, bene o male, di cosa fanno i giallo-verdi. Proposte alternative del PD: non pervenute. (Se queste proposte alternative sono state fatte, non sono arrivate nella mia bolla informativa. Rompetela pure, grazie.)

E quindi niente. Sono caduto in depressione, una depressione politica.

Tag:


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: