Archive for settembre 2021

[libro] Autolesionismo

venerdì 24 settembre 2021

Autrici: Cecilia Di Agostino, Marzia Fabi, Maria Sneider
Titolo: Autolesionismo – Quando la pelle è colpevole
Editore: L’Asino d’Oro
Altro: ISBN: 9788864433752; 9,80€; p. 126; genere: saggistica, psicologia; I ed. 2016

Voto: 7/10

Piccolo manuale di inquadramento del problema, con i miti da sfatare, una tassonomia dei sintomi, una piccola digressione sulla storia psichiatrica della malattia, un accenno a fenomeni sociali correlati (la fustigazione religiosa e la moda emo), una indicazione terapeutica e una incursione nel mondo del cinema. Tutto molto ben fatto, con anche qui due note poco chiare.

Come voi sapete non sono un medico e nemmeno uno psicoterapeuta, quindi ne so poco di più di una persona normale e quel poco di più che so è per via di esperienze personali e naturale passione scientifica. Affermare in modo apodittico che l’autolesionismo non ha sicuramente causa organiche o genetiche senza accennare a uno studio di riferimento è quanto meno incauto, così come attaccare colleghi che affermano l’esatto opposto. Il cervello è molto complesso e si adatta a molte situazioni. La verità probabilmente starà nel mezzo e, anche a detta delle stesse autrici, lo studio sul fenomeno è ancora agli inizi. Siamo ancora molto ignoranti. Inoltre le autrici sono le prime a dire che l’approccio terapeutico a volte è anche farmacologico; buttare dalla finestra le cause organiche, in modo così perentorio, senza vedere che rientrano in qualche modo dal portone principale mi sembra quanto meno azzardato. Dovrebbe essere maggiormente argomentato.

Il secondo punto che mi ha convinto poco e l’aver abbracciato, sembra quasi in modo acritico, la teoria della nascita di Massimo Fagioli. Semplificando con l’accetta: il vuoto affettivo che i ragazzi sentono e che li porta a tagliarsi deriva dall’aver avuto una madre anaffettiva o assente nel primo anno di vita. Solo che le autrici portano casi clinici dove l’assenza della madre non pare proprio il punto principale. A volte è il padre o altre figure di riferimento a essere assenti. Prendendo per vera questa teoria, non credo affatto che una infanzia con madre assente porti necessariamente a questa patologia. Non potremmo spiegare la grande varietà del fenomeno nelle epoche storiche e nelle varie culture.

Detto questo, però, consiglio a tutti la lettura di questo breve saggio, anche come primo approccio al problema.

Buona lettura!

Dopo l’11 settembre

sabato 11 settembre 2021

Da ilPost:

Vent’anni di guerra al terrore
Cosa volevano ottenere e soprattutto cosa hanno ottenuto gli Stati Uniti con la strategia inaugurata dopo l’11 settembre 2001, finita nel caotico ritiro dall’Afghanistan
di Eugenio Cau

Secondo le stime del progetto “Cost of War” della Brown University, la guerra al terrore ha provocato oltre 929 mila morti, di cui 387 mila civili. Il costo economico per gli Stati Uniti, che non riguarda soltanto le operazioni militari ma anche, tra le altre cose, la gestione e la cura dei veterani, potrebbe ammontare a 8 mila miliardi di dollari. Quelle della Brown University sono ovviamente stime difficili da confermare, ma molto citate anche dagli addetti ai lavori.

Quelle morti sono diluite in 20 anni, in migliaia di episodi, sono spesso relegate in posti sperduti. Non avranno mai la visibilità che hanno le morti dell’11 settembre. Nessuno vi chiederà dove eravate quando l’esercito USA bombardava una scuola per errore, nessuno vi chiederà come avreste speso 8T$. Nessuna commissione esaminerà minuto per minuto questa immane tragedia nata esclusivamente dalla vendetta, da ingiustizie accumulate per anni, che ne hanno prodotte altre ancora più gravi e subdole. Forse qualche storico del futuro se ne occuperà.

L’11 settembre rimane l’evento storico – in questo secolo appena iniziato – che ha avuto più impatti nella nostra vita.

Aggiornamento 20/09/2021:

La tortura, dopo l’11 settembre

Dopo la guerra al terrore degli Stati Uniti il suo utilizzo è stato sempre più legittimato, con conseguenze che ci portiamo dietro ancora oggi
di Alessandra Pellegrini De Luca

[libro] Attacchi di panico

venerdì 10 settembre 2021

Autori: Claudia Dario, Riccardo Sala, Luana Testa
Titolo: Attacchi di panico – Il corpo che grida
Editore: L’asino d’oro
Altro: ISBN: 9788864434384; 14,00€; 124 p.; I ed. 2018; revisione scientifica: Alice Masillo, Miriam Scarciglia; genere: saggistica, psicologia

Voto: 7

Trattasi di un brevissimo saggio sull’argomento, dove si descrive come nella storia è stata vista la malattia, dove la si descrive in modo puntuale, dove si fa una panoramica delle più recenti strategie di cura e dove si descrive un tentativo di trovarne la vera causa, perché gli autori pensano che l’attacco di panico sia un sintomo e non la vera malattia. Tutto perfetto tranne l’ultimo punto che mi ha convinto poco. La vera malattia, secondo gli autori, consiste in un vissuto abbandonico traumatico (per noi mortali: un trauma derivante da un abbandono) vissuto nel primo anno di età di cui sembra quasi esclusivamente colpevole la madre. Da questo trauma deriverebbe l’incapacità di gestire il cambiamento e i successivi distacchi che il bambino, e poi l’adulto, dovrà affrontare. L’attacco di panico è quindi un campanello di allarme che il cervello fa scattare quando rivive questo pericolo. Questo punto mi ha convinto pochissimo, forse perché gli autori non hanno potuto portare sufficienti argomentazioni per via della brevità dell’opuscolo. Già la mie inutile e limitata esperienza personale mi porta a dire che l’abbandono traumatico potrebbe essere di molto posteriore al primo anno, non necessariamente causato dalla madre e soprattutto mi pare ragionevole pensare che non tutte le persone reagiscano allo stesso modo, ovvero con gli attacchi di panico, a vissuti abbandonici traumatici. In altre parole: faccio fatica a credere in un meccanismo causa effetto così lineare come è stato presentato nel libro. Non essendo io psichiatra né psicoterapeuta (gli autori lo sono) è lecito pensare che abbiano ragione loro e che il poco spazio a disposizione non sia stato sufficiente a convincermi della cosa.

Libro comunque interessante e illuminante.
Buona lettura.