Archive for the ‘comizio’ Category

Gmail

mercoledì 19 settembre 2018

Qualche giorno fa ho avuto la necessità di aprire un account gmail.com per Lacomizietta. Lo faccio assieme a lei e ho avuto la pessima idea di farle indicare la vera data di nascita.

Sorpresa!

Essendo Lacomizietta minorenne il suo account deve essere legato a quello di un adulto. Metto uno dei miei che uso per queste fanfaronate, uno di yahoo.com. Niente da fare. Il sistema chiede un account gmail.com (non lo dice, semplicemente non vai avanti). Ho anche un account gmail.com per la bisogna. Procedo.

Alt, dove vai? Sei maggiorenne? Veramente? Dammi la tua carta di credito!

Bestemmio in silenzio e mi faccio assimilare dal sistema.

Finito il tutto scopro:
1) ho creato un gruppo family di google.
2) il gruppo family non è facoltativo.
3) Lacomizietta per accedere alla webmail dovrà dare la sua password e la mia.
4) stante il punto 3 la mail non sarà usabile con un client di posta (che non sia l’app di gmail, che non ho comunque provato)
5) Posso cambiare la data di nascita de Lacomizietta, ma non la posso fare diventare maggiorenne. Si può cambiare nome, sesso e anche data di nascita. L’unico dato che, se lo si volesse vero, non cambia mai. Posso mettere una data per cui domani è 16enne, la maggiore età per google. Ma niente da fare, non posso cancellare il gruppo family e renderla indipendente.

Desisto e ricreo un altro account con una data di nascita falsa. In questo caso nessuna verifica. Un giorno proverò a mettere 1265 come anno di nascita e vediamo cosa mi dice.

Mi chiedo il senso di questo modo di procedere. Temo sia suggerito da qualche azzeccagarbugli di google che però ha le idee un po’ confuse.

Conclusione: quando vi iscrivete a un servizio gratuito sul web mentite sempre e spudoratamente. (Lo sapevo, ma me lo ero dimenticato.)

Aggiornamento 22/09/2018: Al secondo tentativo ce l’ho fatta. Ho cambiato la data di nascita per cui il giorno dopo Lacomizietta avrebbe avuto 16 anni. Alla fine Google se n’è accorto e mi ha consentito di cancellare il gruppo family e renderla indipendente. Nel frattempo l’assistenza Google mi scriveva dispiaciutissima che non c’era nulla da fare: avrei dovuto attendere la maggiore età della mie figlia preferita. Io continuo a non trovare un senso a tutto questo.

Depressione

domenica 26 agosto 2018

In questi giorni di grande sconforto politico, con dichiarazioni razziste, assenze inspiegabili (dove sarà il nostro Presidente del Consiglio?) e proposte assurde (ciao Di Maio) non è questa congiuntura che mi deprime di più.

Abbiamo avuto governanti piduisti e mafiosi, incompetenti e ladri e siamo ancor vivi.

La grande differenza col passato e che oggi la speranza di un mondo migliore io non la vedo. Prima potevo sperare di votare un partito diverso, di trovare qualche figura politica che coagulasse un sentire alternativo in una iniziativa o una manifestazione, in un agire pubblico. Oggi l’unica figura politica rimasta che potrebbe farlo, il PD, è totalmente impegnato a (non) riorganizzarsi al suo interno, a difendersi dagli attacchi della Lega/M5S e a controbattere alle cazzate del governo. Risultato: nell’agenda mediatica si parla solo, bene o male, di cosa fanno i giallo-verdi. Proposte alternative del PD: non pervenute. (Se queste proposte alternative sono state fatte, non sono arrivate nella mia bolla informativa. Rompetela pure, grazie.)

E quindi niente. Sono caduto in depressione, una depressione politica.

[film] Ocean’s 8

domenica 26 agosto 2018

Titolo: Ocean’s 8
Regia: Gary Ross
Soggetto: George Clayton Johnson, Jack Golden Russell, Gary Ross
Sceneggiatura: Gary Ross, Olivia Milch
Costumi: Sarah Edwards
Altro: USA; anno: 2018; 110 min; genere: azione; direzione del doppiaggio: Simone Mori

(Dati da Wikipedia e Antonio Genna per il doppiaggio)

Attori:
Sandra Bullock nei panni di Debbie Ocean, sorella di Danny Ocean
Cate Blanchett nei panni di Lou
Helena Bonham Carter nei panni di Rose
Anne Hathaway nei panni di Daphne Kluger
Rihanna nei panni di Nine Ball
Mindy Kaling nei panni di Amita
Sarah Paulson nei panni di Tammy
Awkwafina nei panni di Constance
Richard Armitage nei panni di Claude Becker
James Corden nei panni di John Frazier, un broker assicurativo che inizia ad avere sospetti del gruppo.

Voto: 6/10

Seguito della trilogia Ocean’s con Clooney, in cui la sorella di Daniel Ocean, Debbie, ruberà un bel mucchio di diamanti con una squadra di 8 donne. Io ho ammirato le 8 donne. La mia amica i costumi delle 8 donne, che il film è ambientato in un galà di beneficenza.

Buona visione.

Vergogna/2

lunedì 18 giugno 2018

Quindi ora siamo nel 1938.

Vergogna

sabato 16 giugno 2018

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,

non so quale sia la politica giusta nei confronti dei migranti, ma so per certo che farli morire in mare o, peggio, “a casa loro”, non è la politica giusta. No, nemmeno lasciare oltre 600 persone scampate a un naufragio per giorni su una nave di salvataggio è una politica giusta. Così come non è giusto usare queste persone per guadagnare visibilità politica interna e internazionale. È una cosa che mi procura molta vergogna come italiano e come persona, e che non approvo.

La vergogna per questi atti non Le appartiene, evidentemente, come del resto non è appartenuta a molti suoi predecessori, dagli anni ‘90 in poi: il fatto che questi sbarchi disperati siano continuati, siano costati molti morti e la perdita di dignità di molte persone è un dato di fatto non contestabile e testimoniano il fallimento di una politica ormai più che ventennale.

Qualcosa è stato fatto, è vero, ma equilibri politici e strategici e valutazioni economiche hanno sempre avuto la meglio in ogni azione intrapresa.

Non sto ovviamente parlando dei volontari e dei numerosi funzionari pubblici (sindaci, Guardia Costieta, Marina Militare, eccetera) che, nonostante tutto, hanno dedicato il loro tempo e la loro vita per queste persone. Che spesso le hanno salvate dalla morte e dalla fame. Che hanno cercato di risollevare la dignità del nostro paese. Sto parlando della Politica, quella con la P maiuscola, maiuscola persa ormai da tempo dietro una lungimiranza di brevissimo respiro.

Non sono titolato a dare consigli su questo campo. Altre persone più competenti di me, in questi giorni, hanno dato molti spunti di riflessione per fare qualcosa di diverso rispetto al passato. Forse è ora di ascoltarli, se questo è il governo del cambiamento. Fare meglio di quanto fatto nel passato è possibile.

Nel frattempo, per manifestare contro questa politica vergognosa, ho provveduto a fare una piccola donazione simbolica a SOS Mediterrnaée. Lo farò di nuovo, come ogni fine anno, in modo più sostanzioso per Emergency e Opera San Francesco, sperando che un giorno, queste mie donazioni, non siano più necessarie.

Buon lavoro Presidente.

20 settembre 1944

mercoledì 25 aprile 2018

Qui abitava Franco Calatroni partigiano della 5° brigata Garibaldi Tudra trucidato dai nazifascisti 20-9-1944 a Montalto Pavese – 1924 -1944

Via Francesco Primaticcio, 196 – Milano

targa commemorativa di Franco Calatroni

Passo in questa via periodicamente.

La foto non è venuta bene, è difficile vederla anche dal vivo. Questo uomo ha dato la sua vita a 20 anni affinché noi possiamo discutere liberamente di cose più o meno serie. È bene ricordarsene. È bene rendergli omaggio.

Aggiornamento indirizzo mail

domenica 28 gennaio 2018

Per chi sentisse l’impellente desiderio di scrivermi (dubito), il mio nuovo indirizzo è ilcomizietto(presso)protonmail.com – Il precedente sarà controllato, ma non più usato.

Dopo qualche anno, quelli di protonmail.com ce l’hanno fatta e ora la loro posta funziona anche con Thunderbird, ma solo per chi paga. (Per chi fosse interessato: Protonmail Bridge) Ho acquistato il profilo schiscio, che costa 48€/$/CHF anno. Visto il cambio, ho preferito pagare in dollari. Promettono di essere molto più rispettosi della privacy rispetto agli altri servizi gratuiti e ciò è cosa buona e giusta. Io speriamo che funzioni bene. (Per Android c’è una specifica app.)

L’unica cosa che ci resta

lunedì 15 gennaio 2018

Ho letto questo articolo su ilPost:

“Non so chi sei”, il sesso che facciamo
di Arianna Cavallo

Parla di fumetti e di come quella forma d’arte racconta la nostra attuale vita sessuale.
Interessante.
Di tutto l’articolo nella mia mente continua a rimbalzare questa frase:

Soprattutto di lei [la protagonista di Non so chi sei, NdR] che rispondeva di non fare niente di male procurandosi un po’ di piacere, che era «l’unica cosa che ci resta».

E mi sto chiedendo: tutto il resto che fine ha fatto?

[libro] Mangia e taci – e un ultimo comizio sulla lettura

domenica 31 dicembre 2017

Autore: Frédéric Dard (Le inchieste del commissario Sanantonio della polizia parigina)
Titolo: Mangia e taci (Mange et tais-toi)
Editore: Editoriale Erre
Altro: I ed. 1966; Questa ed. 1982; Traduzione di Bruno Just Lazzari

Di Sanantonio avevo già scritto nel 2014 e c’è ben poco da aggiungere. Ho riletto per l’ennesima volta questo libercolo perché costretto a una lunga attesa in una fila e questa è un’annotazione di cronaca personale.

Approfitto allora per fare una piccola riflessione sulla lettura, che in questi giorni sono uscite le statistiche ISTAT sui lettori e l’editoria nel 2016.

Quest’anno ho letto 20 libri, più o meno impegnativi, più o meno lunghi. Sono a pieno titolo nei lettori forti, faccio parte di una piccola minoranza (il 14,% dei lettori, il 5,7% della popolazione), detengo in casa più di 400 volumi cartacei (anche qui sono in minoranza: 7,3% delle famiglie italiane.). Questa minoranza io la frequento: volevo vantarmi con un collega del mio anno di lettura, solo che lui era a quota 23; sul socialino non ne parliamo: figuro fra gli analfabeti; tocco con mano quel concetto sociologico (e psicologico) di essere in una bolla: quelli attorno a me sono miei simili. Ma questa bolla è sempre più chiusa, a giudicare dalla statistica che dà i lettori in calo rispetto al 2015. (Si legge di più se chi ci sta attorno legge.)

Cosa spinge una persona a leggere? Non certo per imparare qualcosa (l’ISTAT ci tiene a specificare che i libri letti non devono essere per studio o lavoro), anche perché spesso, io per primo, dimentichiamo il 90% di quanto letto. Per curiosità, sicuramente, per vedere questo mondo da un altro punto di vista e per questo va bene anche Sanantonio, Fabio Volo, e tutti gli scrittori più o meno bravi o criticati. Il tempo per la lettura è un tempo dedicato a noi stessi, alla nostra anima, all’incontro col caso, una coltivazione della serenditpità. Se da un lato i programmi per incentivare la lettura latitano (Gli italiani leggono poco e la scuola potrebbe fare di più di C. Raimo), dall’altro siamo sempre più educati a distrarci, attraverso le chat di messaggistica e piattaforme che prediligono l’istantaneità e la volatilità della comunicazione. La congiuntura economica è probabile che non aiuti, che quando si è preoccupati per il proprio futuro si ha ben poca voglia di leggere.

È utile avere una popolazione che legge di più? Penso di sì, ma non credo che sia un’utilità misurabile. Non credo che i lettori siano detentori di contenuti ideali migliori di altri. Penso invece che i lettori abbiano una maggiore capacità di affrontare la complessità del mondo, o almeno di trovare un angolo in cui rifugiarsi dal turbine dei cambiamenti. In un certo senso, penso che un lettore stia meglio di un non lettore, o almeno così mi piace credere, così mi sento io.

Speriamo che il 2018 porti qualche lettore in più. Buon anno!

Banche armate/2

sabato 30 dicembre 2017

Non so se al NYT ci sia qualcuno che segue il sito di Banche armate, ma questo articolo segnalato da ilPost non è una novità, per chi segue il tema:

Un’azienda sarda sta facendo affari vendendo bombe all’Arabia Saudita
Bombe che vengono usate nella guerra in Yemen: è una storia già nota, che è stata raccontata con nuovi dettagli dal New York Times

Nell’articolo de ilPost trovate i link all’inchiesta originale. Qui di seguito invece è dove potete sapere da quanto tempo questa cosa accade, intendo esportare armi in paesi non proprio tranquillissimi e democratici. Praticamente da sempre.

Banche armate.

Ne parlavo nel 2008.