Posts Tagged ‘autelesionismo’

[libro] Autolesionismo

venerdì 24 settembre 2021

Autrici: Cecilia Di Agostino, Marzia Fabi, Maria Sneider
Titolo: Autolesionismo – Quando la pelle è colpevole
Editore: L’Asino d’Oro
Altro: ISBN: 9788864433752; 9,80€; p. 126; genere: saggistica, psicologia; I ed. 2016

Voto: 7/10

Piccolo manuale di inquadramento del problema, con i miti da sfatare, una tassonomia dei sintomi, una piccola digressione sulla storia psichiatrica della malattia, un accenno a fenomeni sociali correlati (la fustigazione religiosa e la moda emo), una indicazione terapeutica e una incursione nel mondo del cinema. Tutto molto ben fatto, con anche qui due note poco chiare.

Come voi sapete non sono un medico e nemmeno uno psicoterapeuta, quindi ne so poco di più di una persona normale e quel poco di più che so è per via di esperienze personali e naturale passione scientifica. Affermare in modo apodittico che l’autolesionismo non ha sicuramente causa organiche o genetiche senza accennare a uno studio di riferimento è quanto meno incauto, così come attaccare colleghi che affermano l’esatto opposto. Il cervello è molto complesso e si adatta a molte situazioni. La verità probabilmente starà nel mezzo e, anche a detta delle stesse autrici, lo studio sul fenomeno è ancora agli inizi. Siamo ancora molto ignoranti. Inoltre le autrici sono le prime a dire che l’approccio terapeutico a volte è anche farmacologico; buttare dalla finestra le cause organiche, in modo così perentorio, senza vedere che rientrano in qualche modo dal portone principale mi sembra quanto meno azzardato. Dovrebbe essere maggiormente argomentato.

Il secondo punto che mi ha convinto poco e l’aver abbracciato, sembra quasi in modo acritico, la teoria della nascita di Massimo Fagioli. Semplificando con l’accetta: il vuoto affettivo che i ragazzi sentono e che li porta a tagliarsi deriva dall’aver avuto una madre anaffettiva o assente nel primo anno di vita. Solo che le autrici portano casi clinici dove l’assenza della madre non pare proprio il punto principale. A volte è il padre o altre figure di riferimento a essere assenti. Prendendo per vera questa teoria, non credo affatto che una infanzia con madre assente porti necessariamente a questa patologia. Non potremmo spiegare la grande varietà del fenomeno nelle epoche storiche e nelle varie culture.

Detto questo, però, consiglio a tutti la lettura di questo breve saggio, anche come primo approccio al problema.

Buona lettura!