Posts Tagged ‘fantascienza’

[libro] Fiori per Algernon

sabato 10 marzo 2018

Autore: Daniel Keyes
Titolo: Fiori per Algernon (Flowers for Algernon)
Editore: TEA
Altro: ISBN: 9788850241910; 11,00€; 314 pp; genere: fantascienza; I ed. orig 1966; questa ed: 2015; traduzione di Bruno Oddera

Voto: 8/10

Tanti anni fa, quando ero giovane e iniziavo a interessarmi di fantascienza, facevo largo uso della biblioteca comunale. I libri sono a vista e si possono consultare prima di prenderli. Uno sguardo alla copertina, una lettura veloce di qualche pagina a caso, l’umore del momento e la scelta era fatta.

Qualche mese fa mi ritornò in mente un racconto. Ricordavo che era in una antologia, ma non ricordavo quale. Non ricordavo né l’autore né il titolo del racconto. Ricordavo solo che era un diario in prima persona, che il protagonista era un ritardato mentale e che quindi il diario iniziava tutto sgrammaticato. Poi a quest’uomo veniva fatta un’operazione al cervello e piano piano diventava intelligente e la sua scrittura migliorava. Eccetera eccetera.

Sapevo a chi chiedere per trovare titolo e autore del racconto, ma ai primi di febbraio mi sono trovato alla libreria Feltrinelli in Duomo, a Milano, davanti allo scaffale dei libri di fantascienza. I fiori per Algernon, vedo. Un titolo mai sentito prima. Leggo la prima pagina. Sorpresa! Era il racconto che mi tormentava da mesi!

Poi, con l’aiuto di Wikipedia, ho scoperto alcune cose. Il racconto è del 1959. Visto l’enorme successo, l’autore ne ha fatto un romanzo nel 1966. Nel 1967 il racconto finisce nella più celebre delle antologie di fantascienza, Le meraviglie del possibile. (Antologia che consiglio caldamente.) Il caso me l’ha riportato alla memoria e ora nella biblioteca, assieme all’antologia di allora.

Keyes è stato uno psicologo e ha lavorato con i ritardati mentali. La scrittura, specie all’inizio, quando è tutta sgrammaticata, è impegnativa, ma di grande impatto emotivo. L’evoluzione del personaggio e l’epilogo di questo esperimento è un vero pugno allo stomaco. Che cosa si prova a diventare intelligenti dopo una vita da idioti? Come cambiano le relazioni personali? Come evolve invece la parte emotiva e affettiva? L’intelligenza ci definisce completamente? Queste e altre domande vi accompagneranno in questo avvincente romanzo.

Buona lettura!

[libro] Un luogo senza tempo

mercoledì 27 dicembre 2017

Autrice: Doris Lessing
Titolo: Un luogo senza tempo (The Making of the Representative for Planet 8)
Editore: Fanucci
Altro: ISBN: 9788834714430; 17,00€; p.203, genere: fantascienza; I ed. originale: 1982; I ed. italiana 2008; traduzione di Annalisa Di Liddo; Introduzione di Oriana Palusci; postfazione di Doris Lessing

Voto: 7/10

Quarto capitolo della saga Canopus In Argos, qui siamo nel Pianeta 8, dove Canopus guida e amministra una popolazione abituata a un clima tropicale. Improvvisamente, per eventi astrali avversi, le cose cambiano e Canopus, pur con tutta la sua scienza, non può fare nulla per salvare questo popolo. Il Pianeta 8 si troverà alle prese con una repentina glaciazione. Canopus darà indicazioni per resistere il più a lungo possibile. In questo cammino della sopravvivenza la popolazione rimette in discussione tutta la sua organizzazione sociale e il suo sapere. Mette anche in discussione il dominio di Canopus: perché non ci salvate? Perché ci dite di resistere alla glaciazione? E poi: se siamo ciò che facciamo, adesso, immersi nel ghiaccio, non facciamo più nulla di ciò che facevamo prima. Ora chi siamo? Cosa c’è dopo la morte? Cosa sa Canopus che il Pianeta 8 non sa?

Come negli altri romanzi di Canopus, quello che noi chiamiamo anima e pensiero, pensiero sociale e personale, per la Lessing è anche materia, sostanza, ha le sue leggi, nonostante siano vaghe, indefinite e sfuggenti. Canopus sembra conoscerle e, in qualche modo, dominarle. Gli abitanti del Pianeta 8 impareranno a vedere questa nuova materia.

Anche questo, come gli altri, non è un romanzo facile. La scrittura dà veramente la sensazione di essere in un mondo senza tempo, anche se i riferimenti temporali ci sono. È un resoconto e quindi a tratti decisamente noioso. Ma le riflessioni che induce sono interessanti.

Nella postfazione la Lessing mette in collegamento i grandi mutamenti di pensiero dell’umanità, cercando dei punti comuni nelle varie evoluzioni, con gli ultimi due romanzi della serie.

Buona lettura.

[film] Gli ultimi Jedi

martedì 26 dicembre 2017

Titolo: Gli ultimi Jedi (originale: Star Wars: The Last Jedi) (Episodio VIII)
Regia: Rian Johnson
Sceneggiatura: Rian Johnson
Effetti speciali: Chris Corbould
Musiche: John Williams
Scenografia: Rick Heinrichs
Altro: 2017, 152 minuti, USA, genere: fantascienza, direzione del doppiaggio: Carlo Cosolo

Interpreti e personaggi:
Mark Hamill: Luke Skywalker
Carrie Fisher: Leia Organa
Adam Driver: Kylo Ren
Daisy Ridley: Rey
John Boyega: Finn

(Dati da Wikipedia e Antonio Genna per il doppiaggio.)

Voto: 7/10

Bel film, decisamente meglio del settimo episodio diretto da J.J. Abrams. Ma. C’è un ma. La saga non ha ormai più nulla a che fare con il nucleo centrale della storia (episodi IV-VI) e nemmeno con il prequel (episodi I-III). Certo, l’universo di riferimento è lo stesso, ma l’ideologia epica che lo animava non c’è più. Non è per colpa di questo film o della sceneggiatura o del regista. Il motivo è che le storie hanno un inizio e una fine e raccontano molto dell’autore e del tempo in cui la storia è stata creata. Non siamo più negli anni ’70, Lucas non ha nessun ruolo attivo nello sviluppo della storia; nessun miracolo può fare risorgere ciò che è stato e che è stato portato a compimento in modo eccelso. Dall’episodio VII in poi siamo di fronte solo a una “serie TV” molto costosa, bella fin che si vuole, ma lontana anni luce dal cinema come lo abbiamo inteso fino ad ora. E non è un problema solo di Star Wars. Al cinema è pieno di secondi e terzi episodi di film più o meno riusciti. Sembra si abbia paura di avere nuove idee.

Detto questo, come dicevo, il film mi è piaciuto. I Jedi sono praticamente finiti e ora una nuova generazione dovrà ritrovare la propria identità e le proprie motivazioni per combattere i cattivi.

Bravi tutti gli attori, escluso Kylo Ren, alias Ben Solo interpretato da Adam Driver. Il Cattivo più insulso che abbia mai visto, per lui si dovrebbe creare l’antitesi dell’espressione physique du rôle. Non lo sopporto. Speriamo che sia sostituito presto da qualcuno più degno del ruolo.

[libro] Polvere di luna

domenica 10 dicembre 2017

Autore: Arthur C. Clarke
Titolo: Polvere di Luna (A Fall of Moondust)
Editore: Mondadori
Altro: Collana Urania Collezione n. 143 (dic 2014) a cura di Giuseppe Lippi; 5,90€; p. 221; genere: fantascienza; I ed. orig. 1961; questa edizione: 2014; Traduzione di Hilia Brinis; Postfazione di Giuseppe Lippi; bibliografia italiana di Clarke a cura di E. Vegetti e A. Vaccaro.

Voto: 7/10

In un mare di sabbia lunare finissima, tipo borotalco, il Selene porta a spasso 20 passeggeri e due membri dell’equipaggio, il giovane Capitano Pat Harris e l’hostess Sue Wilkins. Clarke ci descrive un paesaggio molto verosimile, tenendo conto che è stato scritto 8 anni prima di andare veramente sulla Luna, e molto suggestivo. La sabbia si comporta come se fosse acqua e quindi il Selene di fatto vi galleggia sopra, ma questo tipo di sabbia può avere un comportamento molto diverso dai liquidi e infatti il Selene si ritroverà ben presto in pericolo. Segue salvataggio, in pieno stile hollywoodiano.

Non fu per caso, scriveva Carlo Fruttero nella prima edizione italiana del 1962, che una grande casa di produzione acquistò i diritti cinematografici. Non se ne fece nulla, purtroppo, ma il romanzo è ancora attuale (v. The Martian)

Grande colpo di genio per aver pensato al complottista a bordo del Selene e per averlo ridicolizzato. Sono passati più di 50 anni e ne potranno passare altri 50 senza che la cosa possa intaccare la sua attualità.

Interessante invece vedere dove è invecchiato il romanzo: le sigarette a bordo, i giornali cartacei, il rapporto uomo donna, la mancanza di quella cosa che ci pervade ormai ovunque, ovvero internet con i rispettivi smartcosi. (Anche se questo filmato del 1974 ci fa capire quanto avanti fosse Clarke sul tema internet.)

Ritmo serrato, capitoli brevi, lettura gradevole e scorrevole. Insomma, romanzo per le vacanze, per il puro piacere dell’avventura e del divertimento.

Buona lettura!

[film] Seven sisters

domenica 3 dicembre 2017

Titolo: Seven sisters (originale: What Happened to Monday)
Regia: Tommy Wirkola
Sceneggiatura: Max Botkin, Kerry Williamson
Effetti speciali: Lucian Iordache, Haukur Karlsson
Altro: Paese di produzione: Stati Uniti d’America, Regno Unito, Francia, Belgio; durata: 123 minuti; anno: 2017; genere: fantascienza; direzione del doppiaggio: Andrea Ward

Attori:
Noomi Rapace: sorelle Settman
Clara Read: sorelle Settman bambine
Willem Dafoe: Terrence Settman
Glenn Close: Nicolette Cayman

(Dati da Wikipedia e Antonio Genna per il doppiaggio)

Voto: 7/10

In un futuro molto prossimo (2073) la terra rischia di non poter dare più sostentamento alla crescente popolazione mondiale. I cibi OGM risolveranno il problema, ma causeranno molti parti plurigemellari, aggravando ancora di più la crescita demografica. Nicolette Cayman (un politico?) riesce a far imporre al mondo la legge del figlio unico. Nessuno potrà più avere fratelli. La legge sarà applicata in modo nazista con controlli continui sull’identità e la vita delle persone. Chi sgarra si vedrà sequestrati i figli, che saranno messi in sonno criogenico in attesa di tempi migliori. In questo scenario una donna riuscirà a partorire di nascosto 7 gemelle omozigote. La madre muore, il padre è sconosciuto, e il nonno trova una strategia per farle sopravvivere per trenta anni. Un bel giorno il trucco si inceppa e le sette sorelle rischieranno di essere catturate e messe in ghiacciaia o, peggio, uccise dalla temibile polizia adibita al controllo delle nascite. Il resto ve lo lascio godere al cinema.

Alcuni dettagli mi sono sfuggiti: perché gli OGM dovrebbero causare i parti plurigemellari e come in una sala server ci possa essere uno scontro armato con cavi e server che cadono e si spezzano e la postazione internet della protagonista funzionare perfettamente.

Film d’azione, dunque, con alcune scene cruente.

Un dettaglio importante: le sette sorelle sono interpretate da una sola attrice, forse con l’aiuto di qualche controfigura, ma insomma, è una sola. Io, con l’acume che mi contraddistingue e bravissimo a riconoscere la fisionomia delle persone, mi chiedevo dove avessero trovato sette attrici che si somigliavano vagamente e come il resto del mondo (il mondo del film) non se ne fosse accorto.

Buona visione!

[libro] Blade Runner

domenica 12 novembre 2017

Autore: Philip K. Dick
Titolo: Blade Runner (Do Androids Dream of Electric Sheep?)
Editore: Fanucci Editore
Altro: ISBN 9788834734308; p. 297; 14,90€; genere: fantascienza; I ed. originale 1968; questa edizione: settembre 2017; Introduzione di Carlo Pagetti, Postfazione di Gabriele Frasca; Intervista finale a Dick sulla produzione del film; traduzione di Riccardo Duranti

Voto: 8/10

Ricordavo di averlo letto anni fa e all’epoca non mi piacque. Ma ora comincio ad avere dei dubbi, forse non lo lessi tutto. O forse sono cambiato io. Il romanzo ha una potenza narrativa notevole e, per quanto alcuni dettagli siano anacronistici (i tubi catodici e le veline scritte a macchina), è ancora modernissimo.

In un mondo post Terza Guerra Mondiale (che non si sa come sia iniziata e nemmeno come sia finita) i superstiti seguono un nuovo dicktat sociale: bisogna essere empatici sia nei confronti degli altri uomini, sia nei confronti dei pochi animali rimasti. La mancanza di empatia, forse, è stata la causa della guerra, e con questo nuovo ordine sociale si vuole rimediare agli errori del passato. Chi non può essere empatico – i malati psichiatrici o chi ha subito alterazioni genetiche dovute alla radioattività residua – è un paria. Chi non può essere empatico perché è artificiale – gli androidi – va eliminato.

Rick Dekckard si deve occupare di eliminare sei androidi fuggiti da Marte e ora sulla Terra, nella sua giurisdizione, a S. Francisco. La caccia durerà circa ventiquattro ore e molti dubbi nasceranno durante questa caccia: noi umani siamo sicuri di essere umani? Chi è l’altro che abbiamo di fronte? Gli androidi devono per forza essere ritirati? È possibile innamorarsi di un androide? Sono così diversi da noi? È possibile uscire dalle costrizioni sociali? Sapere di vivere in una società artefatta, in qualche modo finta e guidata da forze oscure, permette di alleviare le nostre perplessità e le nostre ansie?

Un dramma esistenziale molto moderno, come si può vedere, dove Dick non offre facili vie di uscita.

Buona lettura!

[libro] Una donna armata

martedì 24 ottobre 2017

Autrice: Doris Lessing
Titolo: Una donna armata – esperimenti siriani (The Sirian Esxperiments)
Editore: Fanucci
Altro: ISBN: 9788834726549; 16,00 €; I edizione orig. 1981; I edizione italiana 2014; p. 343; genere: fantascienza; traduzione: Stefano A. Cresti

Voto: 7/10

Questo è il terzo romanzo della serie Canopus in Argos e le considerazioni sulla prosa e sulla fantascienza fatte per i precedenti sono ancora valide. Rimando alle precedenti recensioni di Shikasta e Un pacifico matrimonio.

In questo volume si chiariscono molti punti oscuri nei primi due: come vengono eseguiti e quali sono gli esperimenti negli altri pianeti e chi sono tutti gli attori in gioco.

Nella nostra galassia, infatti, ci sono due grossi imperi e una nuova forza nascente. In Shikasta abbiamo visto all’opera la civiltà più avanzata: Canopus. Avanzata non solo e non tanto dal punto di vista tecnologico, ma anche dal punto di vista etico. Sono entrati in piena armonia con le Leggi dell’Universo e hanno imparato ad assecondarle, a farle proprie, a dirigerle quando è possibile, per rendere la galassia un posto migliore.

Gli antagonisti, il nuovo ed emergente regno di Shammat, è agli antipodi di Canopus. Per Shammat il mondo è un luogo di predazione e dominio. I suoi agenti operano sempre in modo malvagio.

C’è poi l’impero di Sirius, avanzatissimo dal punto di vista tecnologico e sociale, un tempo in guerra con Canopus. Sirius si trova in una fase di transizione: da impero di conquista e amministrazione, ormai prospero, a impero integrato nell’Equilibrio Cosmico che Canopus conosce bene.

La transizione sarà attuata e raccontata da una donna di Sirius: Ambien II. Non è una donna qualunque: fa parte del consiglio dei Cinque, organo oligarchico che si occupa del governo dell’impero siriano. Ambien fa un resoconto di questa transizione, lunga ere geologiche (i protagonisti non hanno problemi di brevità della vita) e avvenuta attorno alla storia di Rhoanda/Shikasta, ovvero la nostra Terra.

È di fatto un romanzo di formazione, non solo personale, anche collettivo. Quale è lo scopo della nostra esistenza e delle nostre azioni? Quali sono le forze che si oppongono a questo scopo? Come operano? Come avviene un cambiamento sociale? Che tempi sono possibili per questo cambiamento? Le conquiste sono personali o sociali?

La Lessing ci prende per mano e, attraverso gli occhi di Ambien II, ci racconta gli avvenimenti che porteranno a una nuova consapevolezza di Sirius e, forse, degli abitanti di Shikasta.

Buona lettura!

PS:

Se ho imparato così tanto su ciò che non mi sarei mai aspettata di imparare, quanto ancora posso sperare di apprendere e di capire, posto che ne abbia la pazienza, e non mi conceda di fare domande inutili?

Ambien rohandiana, Ambien II
dei Cinque, dal Pianeta 13
dell’Impero Siriano

[film] Blade Runner 2049

giovedì 12 ottobre 2017

Titolo: Blade Runner 2049
Regia: Denis Villeneuve
Soggetto: Philip K. Dick, Hampton Fancher
Sceneggiatura: Hampton Fancher, Michael Green
Fotografia: Roger Deakins
Musiche: Jóhann Jóhannsson, Hans Zimmer, Benjamin Wallfisch
Altro: USA, 2017, 163 min, genere: fantascienza, direzione del doppiaggio: Simone Mori

Interpreti e personaggi:
Ryan Gosling: Agente K
Harrison Ford: Rick Deckard
Ana de Armas: Joi
Sylvia Hoeks: Luv

(dati da Wikipedia e Antonio Genna per il doppiaggio.)

Voto: 8/10

Bel film, davvero. Vale la pena uscire di casa e andare al cinema, con alcune avvertenze:
1) guardate, o riguardate, il Blade Runner del 1982 prima;
2) nonostante sia un ottimo film e con un seguito degno della trama del primo, non vedrete un capolavoro come fece Scott nel 1982. (Sempre che non sia smentito dal tempo, come molti lo furono allora.)

La Tyrell Corporation è fallita ed è stata rilevata da Niander Wallace. Ora i replicanti sono molto più perfezionati e in parte tollerati anche sulla Terra. Rimane il problema di ritirare i modelli vecchi, che ancora fanno molta paura. Il lavoro sporco del ritiro è affidato ai replicanti di ultima generazione, in questo caso l’Agente K. Nel suo ultimo ritiro l’Agente K scopre una sepoltura, che si scoprirà essere quella di Rachael, la replicante salvata da Deckard nel primo film. L’autopsia rivela che Rachael ha avuto un figlio e questo, come potete immaginare, riapre il capitolo Deckard e soprattutto: dove è e chi è questo figlio? Veramente i replicanti si possono riprodurre come gli umani? Se fosse vero, il mondo sarebbe sconvolto, dice il capo di K: per questo motivo si deve trovare e ritirare anche il figlio. Tutte le traccie dei vecchi replicanti vanno eliminate. La verità la troverete al cinema.

Cosa allontana questa pellicola dalla perfezione? Alcune scene inutili: il test di funzionamento di K è insulso è inutile, senza mistero; e l’estrema freddezza di molte scene, dovute alla recitazione per lo più, ma anche dai ruoli dei personaggi: tutti sembrano avere un compito da svolgere e lo svolgono alla perfezione. Nessuno sgarra, a parte, forse, K. Fra i personaggi principali solo la compagna virtuale di K, Joi, e Deckard sembrano rimandare a una vita vissuta.

Cosa c’è da vedere: la fotografia impeccabile e la trama, che in effetti si raccorda benissimo con il primo film. Gli effetti speciali, specie nella scenografia, aggiungono molti dettagli al mondo del futuro. Questo, se da un lato toglie immaginazione, dall’altro aggiunge maestosità e, pur mantenendo lo stesso ambiente cupo dell’originale, le molte viste dall’alto tolgono un poco il senso di claustrofobia.

Sulle musiche la mia amica, più esperta di me, ha detto che siamo molto lontani dal Vangelis del 1982. Io, più di bocca buona e soprattutto più ignorante, quasi non mi sono accorto di nulla e le ho trovate adeguate.

Per ultimo alcune cose lette su ilPost. Sebbene non contengano spolier, ne consiglio la lettura dopo la visione.

Perché vederlo, con tre cortometraggi aggiuntivi:

Guardatelo, “Blade Runner 2049”
Perché è degno erede del primo, dicono i critici, e la parola “arte” è saltata fuori più di una volta in diverse recensioni

Del direttore della fotografia:

Vi è piaciuta la fotografia del nuovo “Blade Runner”?
L’ha curata Roger Deakins, che è considerato tra i migliori al mondo: ha lavorato ad almeno dieci film che conoscete

Del perché vederlo, ma anche del perché non vederlo:

Blade Runner 2049
di Matteo Bordone

Da Gli 88 Folli:

Blade Runner 2049
di Miki Fossati

Aggiornamento 09/11/2017:

Un video sugli effetti speciali:

“Blade Runner 2049” l’hanno fatto anche con pinze e pennelli

[film] Valerian e la città dei mille pianeti

lunedì 25 settembre 2017

Titolo: Valerian e la città dei mille pianeti (Valérian et la Cité des mille planètes)
Regia e sceneggiatura: Luc Besson
Soggetto: Pierre Christin, Jean-Claude Mézières (fumetto: Valérian et Laureline)
Effetti speciali: Philippe Hubin, Jean-Christophe Magnaud
Costumi: Olivier Bériot
Altro: Francia; Genere: avventura, azione, fantascienza; 137 minuti; Anno: 2017; direzione del doppiaggio: Rodolfo Bianchi

Attori:
Dane DeHaan: Maggiore Valerian
Cara Delevingne: Sergente Laureline
Clive Owen: Comandante Arün Filitt
Rihanna: Bubble

(Fonte dati: Wikipedia e Antonio Genna per il doppiaggio

Voto: 6/10

Siamo nel 2420 (più o meno) e quella che una volta era la Stazione Spaziale Internazionale è diventata la stazione Alfa. È abitata da migliaia di specie differenti provenienti da tutta la galassia e, diventata troppo grossa, è stata allontanata dalla Terra e vaga nello spazio interstellare.

Valérian et Laureline sono due agenti speciali umani. Hanno come missione il recupero di un Replicatore, simpatico animaletto che fa deiezioni molto preziose, ovviamente unico esemplare rimasto nell’universo. Recuperata la bestiola e portatala sulla stazione Alfa dal Comandante Arün Filitt, sono coinvolti in un’altra missione. Nella stazione Alfa vi è una zona non più sotto il controllo dei suoi abitanti. Nessuno sa cosa stia accadendo in quell’area. I nostri eroi ci finiranno dentro, ovviamente, e risolveranno il mistero.

Non so quanto il film sia fedele allo spirito del fumetto, ma poco importa. Come sceneggiatura, come immagini e situazioni è pieno di citazioni e allusioni, più o meno esplicite, a Star Trek, Star Wars e Avatar. (Sempre che Star Trek, Star Wars e Avatar non abbiano preso loro dal fumetto, visto che è iniziato nel 1967) In ogni caso, per lo spettatore nessuna novità eclatante.

Film comunque gradevole, pieno di effetti speciali, dalla morale molto positiva. Storia d’amore fra i protagonisti compresa nel prezzo.

Buona visione!

[libro] Un pacifico matrimonio

domenica 3 settembre 2017

Autrice: Doris Lessing
Titolo: Un pacifico matrimonio (The Marriages Between Zones Three, Four and Five)
Editore: Fanucci Editore
Altro: ISBN:9788834713372, p. 336, 17,00€ (oggi si trova nei reminder al 50%), genere: fantascienza, space fiction, I ed.: 2007 (I ed. in lingua originale: 1980), traduzione: Eleonora Federici, postfazione: Oriana Palusci

Voto: 7/10

Questo romanzo fa parte della serie Canopus in Argos: Archivi e come il suo predecessore Shikasta non è un romanzo facile. La serie non ha in comune personaggi o una linea narrativa; condivide piuttosto un generico futuro, il tema dell’evoluzione personale e sociale e la struttura narrativa, la narrazione archivistica.

Siamo su un pianeta di tipo terrestre, diviso in Zone numerate. Un Cronista della Zona Tre, abitato da una popolazione pacifica ed evoluta, empatica, con una società matriarcale guidata dalla regina Al-Ith, racconta del matrimonio combinato fra lei e il re della Zona Quattro, abitato da una popolazione povera, arretrata culturalmente, altamente gerarchica e perennemente in guerra con la Zona Cinque. Il matrimonio è stato ordinato da non meglio precisati Tutori, che si rivelano in modo altrettanto misterioso. Ma una cosa è chiara: i loro ordini sono perentori. Ben-Ata, il re della Zona Quattro e la regina della Zona Tre, Al-Ith, dovranno sposarsi. Due mondi agli antipodi dovranno fondersi, mescolarsi, conoscersi.

Il motivo di questo ordine sarà presto chiaro: le varie Zone del pianeta sono in stasi. Gli animali sono tristi, la natalità umana e animale è ferma, ogni popolo sembra cristallizzato nel suo ruolo e nelle sue tradizioni. I Tutori ordinano un rimescolamento.

Lasciando da parte gli eventi, da scoprire nella lettura, nel romanzo è sapientemente raccontato il sentimento di straniamento dei protagonisti, costretti a venire a patti con l’altro. Un continuo oscillare fra il freddo racconto dei fatti e il punto di vista dei protagonisti, il Cronista tenta di farsi portavoce di ogni Zona coinvolta, di ogni situazione. Poprio questa oscillazione narrativa sottolinearà questo straniamento, il disagio dell’abbandonare la propria situazione conosciuta per andare incontro a un cambiamento ingnoto e non necessariamente piacevole.

Le Zone assumono quindi vari significati, da quelle psicologico, con i vari sentimenti predominanti nelle varie società, a quello allegorico del mondo femminile e maschile, passando da quello fantascientifico, con le società utopiche/distopiche di altri autori come Ursula Le Guin o con l’esplorazione dei mondi interiori di J. G. Ballard.

Un avviso agli appassionati di fantascienza: anche se messo in questa categoria in questo romanzo di scientifico non c’è nulla. Scordatevi quindi A. C. Clarke o Asimov. L’autrice stessa lo considerava più space fiction, dove con space non si intende necessariamente lo spazio delle stelle e dei pianeti, se non come allegorie di altri spazi.

Segnalo che nell’ultimo capitolo ci sono alcuni refusi.

Interessante la postfazione, da cui ho preso spunto per queste quattro righe.

Buona lettura!