Posts Tagged ‘Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria’

[lettera aperta] Le ragazze di 3

lunedì 17 maggio 2010

Gentile IAP,

a proposito della segnalazione fatta da Giovanna Cosenza in relazione alla pubblicità dell’operatore telefonico 3 (ne parla pubblicamente qui  e qui) ritengo che la vostra valutazione sia errata. Non solo l’abbinamento minuti/prezzo e immagine femminile richiama in modo diretto una proposta di prostituzione, ma presuppone anche un uomo facilmente abbindolabile da immagini sessuali. Personalmente più la pubblicità usa richiami sessuali, più mi insospettisco del messaggio veicolato e anche in questo caso non si sbaglia, se si analizzano con un minimo di criterio le offerte.

Sono sempre più i consumatori, uomini e donne, che si sentono disturbati e/o offesi da messaggi del tipo donna=oggetto, donna=prostituta, donna=stupida-tonta, uomo=tonto-e-allupato, uomo=superman, e altri luoghi comuni degradanti e/o irreali. La pubblicità potrebbe, senza danno per il messaggio, proporre modelli più vicini alla realtà e meno degradanti.

Mi auguro che questo Istituto, nelle sue decisioni, tenga presente di questo cambiamento del sentire comune.

Nel ringraziarvi della vostra attenzione, vi auguro buon lavoro.