Posts Tagged ‘marketing’

Etnografia dei social media

lunedì 27 dicembre 2010

Da Punto Informatico:

Open non è free, pubblicato non è pubblico
di Ippolita (www.ippolita.net) – Creatività inscatolata o crowdsourcing di massa al servizio del marketing? Libertà di esprimersi o auto-delazione compulsiva? Introduzione ad una analisi critica dei social media

Un estratto:
“La produzione industriale del nulla sotto vuoto spinto doveva crescere, a costo zero e con profitti favolosi per i soliti noti, ma come? […] Ed ecco palesarsi la soluzione a tutti i problemi: riversare online i contenuti degli utenti.”
[…]
“Ma pur essendo immersi in questo mondo tecnologico, vorremmo cercare di prenderne le distanze, per scrivere una sorta di etnografia dei social media. Non di come funzionano (ci sono how-to e manuali per quello), ma del perché siamo in questa situazione e di come influenzarla, iniettando eterogeneità, caos, germi di autonomia. […]
Qualcuno ha qualche idea? Noi qualcuna sì, fateci sapere!”

Da leggere dopo l’articolo di Schneier.

Un’intera esperienza

martedì 27 ottobre 2009

Articolo interessante da Apogeonline, già segnalato sul post di W7:

Molto più di un prodotto: un’intera esperienza
di Luca Rosati e Andrea Resmini

I guai, per noi utenti, iniziano quando l’esperienza è progettata (solo) per spillarci soldi.
Buona riflessione.

Phishing che non è phishing: fastweb è un passo avanti

mercoledì 29 aprile 2009

Or ora mi è arrivata questa mail:

Gentile Cliente,

per garantirle un’informazione costante e sempre attuale sui nostri
servizi, la invitiamo a mantenere aggiornati i suoi recapiti email e
telefonici tramite la sezione “Aggiorna i tuoi recapiti” presente in
MyFASTPage.

Per accedere alla sua MyFASTPage (pagina personale), si colleghi al sito di Fastweb

e selezioni

“Area Clienti MyFASTPage”, la sezione “Aggiorna i tuoi recapiti” è disponibile al seguente percorso:
“Gestione Abbonamento >> Aggiorna i tuoi recapiti”.

In questa sezione ha la possibilità di modificare e aggiungere i
recapiti forniti in fase di sottoscrizione del suo abbonamento FASTWEB.

Questo ci permetterà di fornirle un’esperienza al passo con le sue esigenze.

Grazie

nome.cognome e indirizzo mail.

Per rendere tutto più simile ad una mail di phishing ecco che il link proposto per collegarsi al portale Fastweb porta a http://t.contactlab.it/<eccetera&gt; ed è, manco a dirlo, una mail piena di link ad immagini esterne che portano sempre a Contactlab. Per i curiosi gli header della mail dicono che la missiva proviene da Contactlab e non da Fastweb.

Ora, quante mail vi arrivano come questa che sono phishing? Una decina al giorno, almeno. Io ho ragione di ritenere che sia autentica. Non è geniale confezionare una mail autentica che sembra phishing?

(A cosa serve tutto questo? A vedere che browser uso, sistema operativo, pc, se leggo la mail alternativa, se sono a casa o al lavoro all’ora x e tante altre piccole info che messe insieme ci profilano per mandarci altra spazzatura pubblicità.)

Miglioramento del servizio?

lunedì 15 settembre 2008

Quale perversione spinge a chiamare “Miglioramento” la cessazione di un servizio?

Gentile ilcomiziante,

abbiamo avviato un processo di miglioramento dei servizi offerti dal portale Enel, allo scopo di rispondere sempre meglio alle esigenze dei nostri clienti. Nell’ambito di questo processo, ti informiamo che – a partire dal 1° gennaio 2009 – il servizio Webmail verrà sospeso: per cui i servizi di posta elettronica del tuo account Enel non saranno più disponibili.

Forse la stessa che spinge a chiamare “Semplificazione” l’aumento delle tariffe telefoniche?

ilcomiziante

Powered by ScribeFire.

Con calma

giovedì 12 giugno 2008

Il caso di per sé è banale e comune: un cliente si sente trattato poco bene dall’azienda X e lo scrive sul suo blog. L’azienda si sente diffamata e querela con tanto di richiesta (esosa) di danni. Risultato: blog chiuso o post oscurato (quando va bene).

Chiunque abbia avuto a che fare con i blogger sa che questo modo di procedere è puro suicidio commerciale.

Ma i blogger non sono tutti cattivi. Ce ne sono di pazienti che provano a illustrare le dinamiche reputazionali all’interno della Rete all’Ufficio Marketing dell’azienda X:

I blogger chiedono a Mosaico Arredamenti di ritirare la denuncia

Dovrebbe essere l’introduzione di ogni libro di marketing.

ilcomiziante

Business e libertà negate

venerdì 25 gennaio 2008

Fate conto che l’abbia scritto io:

Business e libertà negate
di mafe de baggis

Cito la conclusione:

“In sintesi, ci manca la libertà di comprare ciò di cui abbiamo bisogno, come e quando ne abbiamo bisogno, senza dover sottostare alla burocrazia, al protezionismo e alla lentezza di aziende che sembrano incapaci di capire che “digital marketing” non significa “banner e DEM” ma un modo completamente nuovo di rispondere ai bisogni dei clienti: invece di cercare di indovinarli, basterebbe ascoltare.”

ilcomiziante

Powered by ScribeFire.