Posts Tagged ‘pdl’

Il futuro

venerdì 23 ottobre 2009

Sulla blogopalla (e anche un po’ fuori) c’è tutto in fiorire di commenti sulle primarie del PD(-L), sugli annunci silvieschi e altre cose simili.

Gilioli si chiede perché non andare a votare alle primarie del PD(-L). Sbaglia la domanda, ovviamente. Se devo uscire di casa e pagare 2 euro, forse la domanda giusta è: perché dovrei andare a votare alle primarie del PD(-L)? Se la vostra risposta è  sostanzialmente, a meno di sfumature, “per contrastare Silvio“, allora vi do un consiglio: spegnete la TV per una settimana, meglio due, meglio per sempre, e vedrete che Silvio sarà molto più contrastato e voi starete molto meglio e risparmierete molto più di 2 euro!

E cosa c’entra questo con gli annunci silvieschi? C’entra, c’entra. Silvio fa intravedere un futuro. Un futuro fittizio, quando va bene, o malato, quando lo realizza. (Nessuno che chieda a Silvio con cosa rimpiazza l’IRAP. O quali servizi taglierà con l’IRAP. O se aumenterà la lotta all’evasione fiscale. Non ridete!) Un futuro calibrato sulle emozioni meno nobili dell’animo umano e sull’ignoranza di massa, un futuro che viene ripetuto e dibattuto n volte, con n grande a piacere. Non importa pro o contro. Se ne parla. E cosa fa il PD(-L)? O parla del nulla (non dormo la notte se non so chi sarà vicesegretario o che fine farà il secondo arrivato), o contribuisce a far crescere n. Altra condizione necessaria per creare un futuro fittizio è assicurarsi che non ci siano altri futuri possibili. O, se dovessero comparire (i komunisti!), che rimangano relegati nell’ombra. E anche qui il PD(-L) dà il suo contributo, uccidendo sul nascere qualsiasi futuro alternativo, vagamente fattibile.

Concludo il mio comizio: il PD±L e tutto quanto vi ruota attorno non mi interessa. Ne voglio sapere il minimo sindacale, giusto una traccia per cultura personale, per non sfigurare al bar (se mai ci andassi). Ho voglia di sentire un progetto, un futuro vero, qualche ideale e qualche idea. Un mezzo Obama, anche un quarto, un Obamino piccolo piccolo. Purché si esca da questo nulla.

Anni di studi nel cesso

mercoledì 1 aprile 2009

A dire il vero speravo in un pesce, ma dubito che al Senato, il 18 marzo, siano stati così previdenti e giocherelloni:

Repubblica.it:
Effetto serra? Non esiste
Pdl all’attacco di Kyoto e Ue
Mozione a firma Dell’Utri: “Cambiamenti climatici modesti, e comunque non dannosi”
di ANTONIO CIANCIULLO

I riferimenti ufficiali:

SENATO DELLA REPUBBLICA, XVI LEGISLATURA, 174a SEDUTA PUBBLICA
RESOCONTO SOMMARIO E STENOGRAFICO, MERCOLEDÌ 18 MARZO 2009 (Antimeridiana)
PDF (da pagina 140 a 143) o html (eseguire ricerca del testo nella pagina)

La logica è stringente: siccome non tutti gli scienziati (*) sono strasicuri che l’effetto serra ci sia e che sarà così catastrofico, allora non ha proprio senso risparmiare troppo sui combustibili fossili.

Tutte quelle equazioni incomprensibili di fisica dell’atmosfera, i modelli ambientali, le elaborazioni al computer, l’esame di “fonti di energia”, che fatica inutile!

ilcomiziante

(*) unica citazione “scientifica” una relazione di minoranza: “[…] relazione di minoranza depositata l’11 dicembre 2008 presso la Commissione Ambiente e lavori pubblici del Senato degli Stati Uniti d’America sono riportate le dichiarazioni di ben 650 scienziati di livello internazionale, scettici nei confronti della teoria dell’attribuzione del riscaldamento globale in atto alle attività umane […]”