Posts Tagged ‘planetario’

Incontro con Plutone

sabato 18 luglio 2015

Segnalo che lunedì 20 p.v. – alle ore 21 – presso il Planetario di Milano ci sarà la conferenza dal titolo:

Incontro ravvicinato con Plutone – Le prime storiche scoperte della sonda New Horizons, che il 14 luglio 2015 ha svelato all’umanità intera i misteri del lontanissimo pianeta nano
di Cesare Guaita

La segnalo perché questa è la replica di quella che c’è stata venerdì giovedì scorso e alla quale ho assistito. È molto interessante sapere quante informazioni sono state raccolte su un mondo così lontano prima dell’arrivo della sonda e di quante altre meraviglie ci aspettano durante il prossimo anno. La sonda New Horizon, infatti, impiegherà più di un anno a trasmettere tutti i dati raccolti in 30 minuti di incontro ravvicinato con Plutone e i suoi satelliti.

Vi consiglio di arrivare entro le 20 per essere sicuri di entrare.

Il sito della Nasa dedicato alla missione è qui.

Il bosone di Higgs /4

sabato 23 novembre 2013

Bene, ce l’ho fatta. La conferenza era alle 21, io sono arrivato alle 20. Sto parlando della conferenza La storia del bosone di Higgs: dall’ipotesi teorica all’evidenza sperimentale di Marcello Fanti al Planetario di Milano, quella che persi giovedì 7.

Ebbene, anche oggi tutto esaurito con persone fuori. Anche oggi platea molto eterogenea, persino bambini e giovanissima vestita alla Cindy Lauper anni 80.

Argomento difficile e molto ostico, perché le particelle e le sue interazioni nel modello standard non sono proprio facili da spiegare, eppure una rapida carrellata il relatore è riuscita a farcela.

Non entro nei dettagli della conferenza anche perché presto avrete la registrazione audio e le slide pubblicate qui.

Alcune curiosità:

  • il bosone di Higgs non è stato “visto” direttamente, ma indirettamente dai suoi effetti durante gli esperimenti.
  • L’LHC ripartirà nel 2015 raddoppiando la sua potenza (14 TeV).
  • L’LHC costa 1 €/anno a persona, tenendo conto dei paesi che ci collaborano (circa 40)
  • Per ora del bosone di Higgs non ci facciamo nulla, nella vita di tutti i giorni. Però anche della relatività di Einstein non si sapeva che farsene nel 1915. Ora, senza di essa, non avremmo il GPS nei furbofoni. Forse fra 100 anni potremmo avere la gravità artificiale nelle stazioni orbitanti! Wow!
  • Il pubblico era attentissimo: a fine conferenza le domande erano tutte molto pertinenti e una è andata anche a commentare le formule proiettate! E no, i buchi neri che inghiottiranno la Terra per gli esperimenti dell’LHC non ci saranno. State tranquilli.
  • La prossima frontiera è capire qualcosa del 96% dell’Universo: materia ed energia oscura.
  • La fisica di Star Trek

    venerdì 22 novembre 2013

    Al Planetario di Milano, ieri sera, c’è stata una conferenza sul tema in oggetto. Ero lì alle 19.30 e la conferenza iniziava alle 21.00. Ce l’ho fatta ad entrare!

    Cosa dire?

    Alle 21 la sala era piena e c’era ancora gente fuori. Il relatore ha detto che si replicherà venerdì 29. Controllate il sito per conferma.
    Tanti ragazzi, anche giovanissimi con la faccia da schiaffi tipica dell’adolescenza, tante donne, ma in realtà la platea era molto eterogenea: anziani, extracomunitari, ricchi e poveri. Insomma, il tema appassiona tutti.

    Il prezzo: solo 3 euro. I minori di 18 anni e gli over 60 1,50 euro. Troppo basso, veramente. Con 3 euro non si compra nemmeno un panino in quella zona.

    Cosa si è avverato di Star Trek in questi anni? Una cosa che nel 1966 non era affatto scontata, anzi era decisamente inconcepibile. Con il capitano Kirk c’erano russi, giapponesi, e persino una donna di colore in plancia e un alieno: tutti insieme nella stessa astronave. All’epoca era una mezza rivoluzione. Oggi nella ISS mancano solo gli alieni, per il semplice fatto che non li abbiamo ancora trovati.

    Io aspetto con impazienza il teletrasporto.

    Per la replica siate lì almeno un’ora prima.

    Il bosone di Higgs /2

    giovedì 7 novembre 2013

    Io finisco di lavorare alle 18 e sono nei pressi della Stazione Centrale. Il Planetario è nei pressi di Porta Venezia. Siamo a Milano. La conferenza sul bosone di Higgs inizia alle 21. Chi diavolo andrà a vedere una conferenza sul bosone di Higgs di giovedì sera? Massì, saranno tutti davanti a qualche partita o a qualche programma con le tette. I soliti italiani ignoranti.

    Mi sciroppo tutta la Feltrinelli della Stazione Centrale, la libreria Lirus di via Vitruvio 43 e una pizza alla Diavola. Echissene, direte voi. In effetti echiessene, ma era solo per essere snob, fare il single dedito alla cultura, per essere antipatico.

    Alle 20.50 mi avvicino al Planetario. C’è gente sul marciapiede, fuori dal recinto del parco in cui abita il Planetario. Tanta gente sul marciapiede; che ci fa tutta ‘sta gente lì? E’ successo qualcosa? Un incidente? Una rissa? Un malore? Ma non c’è nessuna agitazione, nessun lampeggiante. E’ la coda per entrare al Planetario! Arrivo io e l’organizzatore della serata ci spiega che i 375 posti sono finiti, che farà di tutto per ripetere la serata, che ci ringrazia tutti per essere venuti. Impreco, dico cose vietate ai minori di 18 anni, penso male del genere umano, quello che mi vuole imitare a fare l’acculturato. Vado a casa senza bosone di Higgs.

    Giovedì 21 ci sarà un’altra conferenza. Mi porto da leggere e mi piazzo davanti all’entrata dalle 18.30. Salto la cena, che mi fa solo che bene. E voi state a casa a guardare la TV, per favore.

    [TED] Il bosone di Higgs

    lunedì 4 novembre 2013

    Un amico mi ha segnalato una interessante TED conference tenuta da Gian Francesco Giudice, un fisico italiano che lavora al CERN. Ci spiega perché la scoperta del bosone di Higgs è importante.

    Gian Giudice: Why our universe might exist on a knife-edge

    Per chi volesse, c’è la trascrizione dell’intervento e la sua traduzione in italiano qui:

    TED Talks – G.Giudice: L’Universo é sul filo di un rasoio?

    Spiegazione non tecnica, per tutti.

    PS: Per chi ama le conferenze dal vivo, al Planetario di Milano giovedì prossimo alle 21:

    La storia del bosone di Higgs: dall’ipotesi teorica all’evidenza sperimentale
    di Marcello Fanti

    Io ci sarò.