Posts Tagged ‘primarie’

Politica e scienza

mercoledì 21 novembre 2012

Lato positivo: hanno risposto.
Lato negativo: le risposte sono sbagliate. In realtà ne ho lette un paio e non mi sono piaciute affatto. Poi per evitare malesseri fisici come tachicardia e ipertensione, e per evitare malesseri morali come blasfemia e violenza su persone e cose, mi sono astenuto dal continuare.

Andate avanti voi. Su Le Scienze:

I candidati alle primarie del centrosinistra rispondo a 6 domande su scienza e ricerca.

Le primarie de Il Fatto Quotidiano

giovedì 19 agosto 2010

Il Fatto Quotidiano lancia le proprie primarie via web per le elezioni prossime venture. Idea molto bella, molto 2.0, molto democratica, molto tutto. Assolutamente inutile. Scrivere la prima fesseria che passa in mente è facilissimo. Una sola persona può scrivere mille suggerimenti. Riservato solo a chi ha il web (ricordiamo che vota anche chi non naviga). Non si raccoglie un soldo per la campagna elettorale.

Le vere primarie sono cosa difficile, a quelle telematiche non siamo ancora pronti.

Il futuro

venerdì 23 ottobre 2009

Sulla blogopalla (e anche un po’ fuori) c’è tutto in fiorire di commenti sulle primarie del PD(-L), sugli annunci silvieschi e altre cose simili.

Gilioli si chiede perché non andare a votare alle primarie del PD(-L). Sbaglia la domanda, ovviamente. Se devo uscire di casa e pagare 2 euro, forse la domanda giusta è: perché dovrei andare a votare alle primarie del PD(-L)? Se la vostra risposta è  sostanzialmente, a meno di sfumature, “per contrastare Silvio“, allora vi do un consiglio: spegnete la TV per una settimana, meglio due, meglio per sempre, e vedrete che Silvio sarà molto più contrastato e voi starete molto meglio e risparmierete molto più di 2 euro!

E cosa c’entra questo con gli annunci silvieschi? C’entra, c’entra. Silvio fa intravedere un futuro. Un futuro fittizio, quando va bene, o malato, quando lo realizza. (Nessuno che chieda a Silvio con cosa rimpiazza l’IRAP. O quali servizi taglierà con l’IRAP. O se aumenterà la lotta all’evasione fiscale. Non ridete!) Un futuro calibrato sulle emozioni meno nobili dell’animo umano e sull’ignoranza di massa, un futuro che viene ripetuto e dibattuto n volte, con n grande a piacere. Non importa pro o contro. Se ne parla. E cosa fa il PD(-L)? O parla del nulla (non dormo la notte se non so chi sarà vicesegretario o che fine farà il secondo arrivato), o contribuisce a far crescere n. Altra condizione necessaria per creare un futuro fittizio è assicurarsi che non ci siano altri futuri possibili. O, se dovessero comparire (i komunisti!), che rimangano relegati nell’ombra. E anche qui il PD(-L) dà il suo contributo, uccidendo sul nascere qualsiasi futuro alternativo, vagamente fattibile.

Concludo il mio comizio: il PD±L e tutto quanto vi ruota attorno non mi interessa. Ne voglio sapere il minimo sindacale, giusto una traccia per cultura personale, per non sfigurare al bar (se mai ci andassi). Ho voglia di sentire un progetto, un futuro vero, qualche ideale e qualche idea. Un mezzo Obama, anche un quarto, un Obamino piccolo piccolo. Purché si esca da questo nulla.