Posts Tagged ‘rai’

Modelli da non seguire

mercoledì 28 novembre 2012

Da L’unità:

«Tv trash»? La Bbc si difende: «Guardate un po’ quella italiana»
Lord Patten, presidente del Trust che governa la Bbc, non s’è tenuto più: «Chiunque ci tratti come spazzatura – ha sbottato – dovrebbe essere obbligato a guardare la tv italiana…».

Siamo un punto di riferimento, non c’è che dire.

Canone Rai

venerdì 9 gennaio 2009

Ogni tanto riemerge il tormentone: come non pagare il canone Rai. Ora, che la Rai è una barca che fa acqua da tutte le parti è cosa nota da anni. Che la legge che istituisce la tassa (perché è una tassa, non un canone) sia del 1938 si vede e infatti contiene molte assurdità (oggi). Che però lo Stato abbia (almeno) una televisione di qualità lo auspicano in molti, anche fra i sostenitori dell’abolizione del canone. Ma come faccio a pretendere che lo Stato abbia una televisione di qualità (=senza pubblicità) se non pago la tassa che la finanzia?

Il principio è questo: il servizio non funziona, allora non lo pago. Con i servizi privati la cosa funziona, perché ci sarà sempre qualcuno che erogherà un servizio migliore, ma con i servizi statali e le tasse no, non funziona. Il servizio è essenziale, serve davvero, è legato ad un diritto e lo deve erogare lo Stato, non lo può fare un altro! La Sanità, la Giustizia, la Difesa, l’Istruzione non possono essere servizi dati in outsourcing! Sono il core business dello Stato! (E scusate l’abuso di aziendalese!) La tassa va quindi pagata. Solo che bisogna fare in modo che il servizio funzioni.

Per la Rai avete un consiglio di amministrazione e i presidenti di Camera e Senato e anche una Commissione di Vigilanza. Se non vi piace la Rai, fatevi sentire.

(Esiste anche un’associazione che si batte per un’altra TV.)

ilcomiziante

Powered by ScribeFire.