Posts Tagged ‘relatività’

Libri di Fisica

martedì 24 marzo 2009

Titolo: L’ evoluzione della fisica. Sviluppo delle idee dai concetti iniziali alla relatività e ai quanti
Autori: Einstein Albert, Infeld Leopold
Traduttore: Graziadei A.
Editore: Bollati Boringhieri
Altri dati: 10° edizione, anno 2000, ISBN: 9788833900254, p. 310, 16 euro

Titolo: Qed. La strana teoria della luce e della materia
Autore: Feynman Richard P.
Traduttore: Nicodemi F.
Editore: Adelphi
Altri dati: 8° edizione, anno 1989, ISBN: 9788845907197, p. 196, 16 euro

Voto personale per entrambi: 10/10

Nel primo libro Einstein in persona (sì lo so, c’è anche Infeld) ci illustra la sua teoria della relatività partendo dai vecchi concetti di quella che ora chiamiamo fisica classica (la fisica di Galileo e Newton, tanto per semplificare). Lo fa parlando di concetti e di esperimenti ideali, lasciando da parte la matematica. Ecco, non credo sia possibile una esposizione più chiara per questa materia. Attenzione, però: l’assenza della matematica non rende questo libro semplice! E’ un libro che andrebbe studiato e meditato sia da chi si avvicina per la prima volta alla materia, sia per chi ha già anni di studi di Fisica alle spalle e vuole rispolverare la materia. Serve per non farsi distrarre da tante altre questioni che di solito si introducono nell’insegnamento e nello studio.

Nel secondo libro si parla di fisica quantistica, ma le osservazioni di cui sopra rimangono: poca matematica, tanti concetti, libro difficile, da studiare e meditare. E l’autore è anche lui premio Nobel per la Fisica.

Ora, cosa dicono di interessante questi libri?

La prima cosa dicono è che la Fisica non si occupa del perché delle cose, ma del come. In altre parole la Fisica crea un modello che usa per fare delle previsioni su altri fenomeni. Se per fare questo modello bastasse un mazzo di carte da gioco, la Fisica tratterebbe solo di cuori, fiori, quadri e picche. Invece usa la Matematica, per la gioia di alcuni e la tristezza di altri. :-) Ma i concetti base, le regole del gioco, sono esprimibili anche a parole.

L’altro aspetto interessante di queste due opere è che ci raccontano la stranezza e la magia della Natura. Andando un poco oltre l’esperienza quotidiana si scoprono cose incredibili: per esempio, come si fa a pensare che un raggio di luce, per andare da un posto ad un altro, non vada in linea retta? Anzi, che non si sa proprio che strada prenda, il fotone che abbiamo lanciato verso il rivelatore. Da far venire il mal di testa.

Non mi dilungo oltre, che gli autori sono molto meglio del sottoscritto.

Buona lettura.