Posts Tagged ‘sanremo’

Sanremo

lunedì 22 febbraio 2010

Anche Icomizianti hanno visto Sanremo. Alcuni pezzi di Sanremo, non proprio tutto. Visto che la chiacchera su questo argomento è sconfinata, mi limito ad alcuni aspetti poco battuti.

1) Sabato, verso mezzanotte, è comparso Maurizio Costanzo con tre disoccupati di Termini Imerese. La cosa era talmente fuori luogo – come vedere un’intervista a Tremonti durante la proiezione di Terminator – che subito mi sono venuti alcuni pensieri. Perché inserire in un programma di intrattenimento il tema della disoccupazione? Non c’erano altri posti? “E’ per dare visibilità al problema.” dice Costanzo. Va bene, ma non ci sono luoghi più adatti come un TG, un programma di approfondimento, uno speciale sul tema? Evidentemente no. Ma a voi non sembra strano che non ci sia spazio per il problema del lavoro in Rai? Ok, abbiamo la visibilità del fenomeno. E poi? Cosa abbiamo saputo da questo intervento? Abbiamo saputo perché la Fiat chiude lo stabilimento di Termini Imerese? Sappiamo qualcosa sulla politica del Governo a riguardo? Abbiamo saputo delle varie proposte dei partiti di opposizione? Opinioni di esperti? Niente affatto. Abbiamo solo saputo del dramma di tre persone, come se fosse difficile immaginare il dramma della disoccupazione. Abbiamo avuto un’informazione prettamente emotiva, senza nessun contenuto analitico né propositivo. E i due politici intervenuti, già in campagna elettorale? Altre risposte emotive. Nessuna informazione utile. Cosa è rimasto? La sensazione di aver fatto qualcosa di utile per questi nostri “colleghi” più sfortunati, un vago senso di colpa nel divertirsi mentre questi non sanno come arrivare a domani e l’abitudine di mischiare spettacolo e cronaca, quasi fossero la stessa cosa.

2) Matematica, mon amour! Dice il regolamento del Festival, a pagina 3: “Interpretazione-esecuzione delle 5 canzoni degli ARTISTI, non ammesse dalla giuria demoscopica nella Prima e Seconda Serata, con sistema di votazione misto, giuria tecnica composta dai musicisti della “Sanremo Festival Orchestra” (con peso percentuale del 50%) e pubblico attraverso il sistema del  televoto (con peso percentuale del 50%).” Ora: i musicisti saranno stati un centinaio. I votanti al televoto qualche decina di migliaia. I musicisti avranno votato con un giudizio da 0 a 10 o analogo. Il pubblico “si è contato” su un cantante. Come fare la classifica? Faccio un esempio: Alfa ha avuto un voto 8 dai musicisti e 10mila voti dal pubblico, Beta ha avuto un voto 7 dai musicisti e 20mila voti dal pubblico, Gamma ha avuto un 5 dai musicisti e 30mila voti dal pubblico. Come stilereste la classifica voi?

3) I finalisti danno un quadro ben preciso dei gusti dei telespettatori votanti (e paganti, perché per votare si spendeva mica poco!). Da ricordare quando qualcuno vi dice: lo chiede il pubblico, gli utenti, il popolo e compagnia bella.